Giornata contro la pedofilia | Poesia, Lassate sta e ccriature

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Giornata contro la pedofilia

Giornata contro la pedofilia. Una poesia in vernacolo napoletano nel giorno della sensibilizzazione e l’attenzione verso un fenomeno purtroppo ancora diffuso e da combattere.

5 maggio: perché una Giornata contro la pedofilia?

Breve approfondimento a cura di Mauro Guitto.

Una Giornata contro la pedofilia perché, come spiega Telefono Azzurro, sensibilizzare e metter il focus su qualcosa vuol dire anche fare PREVENZIONE favorendo e potenziando tutte quelle condizioni individuali, familiari e sociali che proteggono un bambino da abusi sessuali, ostacolando il verificarsi di episodi che possono provocare traumi e difficoltà nella crescita.

Una prevenzione efficace parte da un contesto educativo, familiare e sociale capace di far emergere situazioni che tendono a restare nascoste. Nella prevenzione degli abusi sessuali e nel contrasto della pedofilia (anche nel mondo virtuale) è di primaria importanza aiutare le vittime a raccontarsi, a non chiudersi nel dolore e nel senso di colpa, offrire loro tutto l’ascolto, la comprensione e l’aiuto di cui hanno bisogno.
Telefono Azzurro ogni anno celebra questa giornata presentando dati aggiornati sull’abuso e lo sfruttamento sessuale dei bambini in Italia, nonché sul tema della pedofilia, favorendo tavole rotonde e dibattiti sui temi della prevenzione, dell’ascolto delle vittime e della loro terapia, sul profilo dei pedofili, sulla pedofilia al femminile, sull’adescamento online e sul trattamento degli autori di questi reati.

Ogni anno i bambini e gli adolescenti vengono coinvolti in questa riflessione, in quanto attori fondamentali di ogni intervento di prevenzione.

Donazione: fai anche tu un piccolo gesto per offrire un grande aiuto.

Un reato aberrante

Il più aberrante e abominevole reato, la pedofilia, il più vergognoso e viscido istinto bestiale che devasta il mondo fatato dell’infanzia, striscia come un immondo serpente non solo in ambienti sporchi e malfamati, ma anche in quelli eccentrici e sfarzosi dove la vergogna umana non ha limiti. In occasione della Giornata contro la pedofilia proponiamo una poesia scritta da Antonio Ruggiero.

LASSATE STA’’E CCRIATURE

Chello ca po’ succère ‘int’ a ‘stu munno
me leva ‘a voglia ‘e scrivere ‘e ppuisie;
Tutt’apparenza,ma si scavo ‘nfunno,
nce trovo sulo ‘o chianto amaro ‘e Dio.

Ogne pprincipio è nu vestito scuro
ca ll’omme tène ‘ncuollo ogne mumente;
chi nun ‘o tène so’ cchelli ccriature,
chell’aneme spugliate e trasparente.

Chell’aneme accussì llucènte e bbelle
c’hanno abbisogno sul’’e tant’affetto;
mettitece dint’ a ‘na caramella
ll’ammore cu nu pizzeco ‘e rispetto.

Lassate sta’’e ccriature,e ppe’ ffavore,
nun ‘e rrignite ‘e ccape ‘e fessarie;
nun nc’è bbisogno ‘e scole pe’ ll’ammore,
pe’ cchestu ccà già nce ha penzato Dio.

Lassate ‘e ccrescere, nun ‘e ‘nquitate,
nun nce mettite ‘ncapa ‘sti penziere;
vuje ‘sti ccriature già m’’e ‘ncatenate
mettennece ‘na bbella palla a’’e piere.

‘O mmalo ‘e chistu munno è mmalo antico
e ssulo ‘o vero ammore ‘o pò ssanà;
ll’anema ‘e nu criaturo è ‘na mullica
ca chisà quanta scorze po’ farrà.

Ma mo lassate ‘e ccrescere liggiere,
‘a fantasia lassatancella sta;
songh’arbe chiare addò nun scenn’’a sera,
addò ‘o penziero è llibbero ‘e vulà.

Leggi altre POESIE
LIFESTYLE
FOOD
SEGUICI SU TWITTER



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU