Gruppo Ilva prende in giro i tarantini: sul sito un cielo limpido

loading...

Gruppo Ilva prende in giro i tarantini

Gruppo Ilva. Sul sito internet del gruppo abbiamo notato che sono state inserite delle foto nella homepage che ritraggono Taranto (tra innocue ciminiere prive di emissioni) sovrastata da un cielo meraviglioso e pulito.

Il cielo è blu a Taranto (vorrebbe far credere il gruppo Ilva)

Un cielo privo di nuvole, privo di fumi, niente slooping, niente vapori.. insomma l’Ilva e quel cielo, nella foto meravigliosa mostrata sul sito del gruppo Ilva, sembrano sposarsi divinamente in un ambiente paradisiaco mostrato ai visitatori del sito internet come un paesaggio da sogno. In evidenza poi su quelle foto spiccano alcune notizie che fanno letteralmente a pugni con quanto invece vivono, fotografano e soprattutto sopportano ogni giorno i maltrattati cittadini tarantini (quelli che riescono ancora a restare vivi e sani). Sono evidenziate le notizie come quella del 15 settembre sulla preparazione del nuovo piano industriale, quella del 13 agosto sulla ripartenza dell’Afo1 e dei presunti benefici ambientali ed energetici derivanti dagli interventi AIA.



Il gruppo Ilva

Il gruppo Ilva, l’insieme di società operative di cui fa parte l’Ilva, la principale causa di inquinamento e di malattie e morte nella città di Taranto, la fabbrica per la quale lo Stato italiano ha fatto di tutto e di più per permetterle di restare in vita con decreti ad hoc tirati fuori dal cilindro che nemmeno il più bravo dei maghi avrebbe potuto fare di meglio. L’azienda che deve essere rilanciata a tutti i costi perché rappresenterà il rilancio del Sud Italia, così ha detto il vicepresidente Alessandro Laterza nel Consiglio di Confindustria riunitosi proprio l’altro ieri e proprio a Taranto. “Non si può pensare all’industria italiana senza la siderurgia” sostiene il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e lo dice anche Matteo Renzi da sempre. Il colosso dell’acciaio pare stia anche chiudendo il reparto Rivestimenti per mancanza di commesse lasciando 136 persone in solidarietà..

Prosegue pertanto a Taranto il contrasto tra sogno e (drammatica) realtà … chiedete ai tarantini.

@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU