Nas nel bistrot di Cannavacciuolo a Torino | Denunciati la moglie e il direttore, ecco perché

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Nas nel bistrot di Cannavacciuolo

Fa notizia perché il fatto vede coinvolto un personaggio molto noto in Italia, dalla “visita” dei Nas nel bistrot di Cannavacciuolo di Torino sono scaturite 2 denunce. Sia chiaro che non si tratta di alimenti scaduti o di gente finita in ospedale ma “solo” la contestazione di una corretta e precisa tracciabilità di alcuni prodotti serviti ai clienti.

Mancata indicazione degli alimenti non freschi

A Torino era da diversi giorni in corso l’operazione dei carabinieri del Nas (Nucleo Antisofisticazione e Sanità) per controllare a campione i ristoranti più ricercati e in voga di Torino. Sono state contestate tre violazioni amministrative in tre locali, tra questi c’è il Cannavacciuolo Bistrot Torino, che ha avuto la peggio.

Al locale esclusivo aperto dall’estate 2017 è stato contestato il fatto che nel menu proposto ai clienti mancasse l’indicazione degli alimenti congelati. In altre parole non era chiaramente indicato nel menu quali (tra pesce, pasta, dolci e ortaggi) non fossero freschi.

Denunciati moglie e direttore

La conseguenza è stata una multa di 1500 euro ai gestori e una denuncia:

  • alla moglie di Cannavacciuolo, Cinzia Primatesta, responsabile della società Ca.Pri. connessa alla catena di ristoranti (di cui fa parte anche il bistro di Torino);
  • al direttore della ristorazione del bistrot, Giuseppe Savoia.


Nas nel bistrot di Cannavacciuolo: lo staff si difende

Dice chef Cannavacciuolo: “Ma quale frode? Certo, abbiamo sbagliato, c’è poco da discutere ma non l’abbiamo fatto in malafede. I prodotti come il pesce devono essere abbattuti per legge e il procedimento era correttamente indicato ma solo in fondo al menu. Da oggi un asterisco lo indicherà accanto ad ogni piatto.

Riguardo alla pasta, quella che finisce nei piatti dei clienti è sempre fresca e quando ne avanza un po’ viene congelata ma la mangiamo noi. E’ giusto che i Nas facciano i controlli nei ristoranti, in questo caso bastava un “Non farlo più..”, non sono state trovate cucine “imperfette”, sui nostri pavimenti si potrebbe pure mangiare“.

© Cannavacciuolo Bistrot Facebook Page

LEGGI ANCHE
@ Riproduzione riservata



Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica

La Gazzetta Digitale

Torna SU