‘O Mare Mio 2018 | Su Nove la seconda stagione con Antonino Cannavacciuolo

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


O Mare Mio 2018

Domenica 7 gennaio alle ore 21,25 è tornato chef Antonino Cannavacciuolo con la 2a stagione di O Mare Mio 2018 a un anno di distanza dal successo della prima edizione. Si è parlato ulteriormente di lui per un episodio che ha visto coinvolto il suo Cannavacciuolo Bistrot Torino che non ha affatto messo in discussione il suo valore, nonostante le critiche a lui indirizzate.

*** Articolo aggiornato domenica 28 gennaio 2018 ***

Prodotti e cucina tipica locale

Temi centrali del programma la scoperta e la valorizzazione della cucina e dei prodotti locali tipici del mare e della cucina marinara. Chef Cannavacciuolo ha fatto visita agli abitanti dei luoghi marinari tra i più caratteristici d’Italia. Una esperienza umana per Cannavacciuolo che nella 1a edizione si è spesso commosso nel momento del saluto finale ai protagonisti di ogni puntata.

Cannavacciuolo è andato a pescare con i pescatori locali che si sono sfidati nella preparazione del piatto tipico. Cannavacciuolo ha preparato la sua personale ricetta, una rivisitazione del piatto tradizionale locale, ispirato dai 3 “chef amatoriali” che si sono sfidati.

Le prime 2 puntate

Il programma prodotto da Endemol Shine Italy per Discovery Italia è andato in onda su Nove TV a partire dalle ore 21,25. Chef Cannavacciuolo ha registrato la 1a puntata a Vico Equense (Na), nella sua terra che “lascia un’impronta che ti porti dietro dappertutto“. Lo ha detto lo chef all’indomani della registrazione della tappa in provincia di Napoli.

Nella 2a delle 4 tappe lo chef è andato a Muggia, in provincia di Trieste (puntata registrata dal 18 al 21 ottobre 2017) dove ha preparato il tipico brodetto muggesano.



O Mare Mio 2018: gli altri EPISODI

Tra Polignano a Mare e Monopoli (Ba) Antonino Cannavacciuolo ha registrato a fine ottobre 2017 la 3a puntata andata in onda domenica 21 gennaio 2018. E proprio a Polignano lo chef ha preparato la sua versione del ciambotto pugliese (per leggere la ricetta originale fai click sul ciambotto).

A novembre l’ultima puntata in Sardegna, a Cabras, in provincia di Oristano, dove Cannavacciuolo ha assaggiato la rinomata bottarga di muggine, tipica del posto.

Le tappe della 1a edizione

Nella 1a stagione Cannavacciuolo è stato nei seguenti luoghi:

  • Aci Trezza (CT) – 478.000 telespettatori
  • Porto Cesareo (LE) – 397.000 telespettatori
  • Lerici (SP) – 561.000 telespettatori
  • Porticello (PA) – 498.000 telespettatori.
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU