Problemi Whatsapp oggi | Niente paura, tante valide app di chat alternative

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Problemi Whatsapp oggi

Il 3 novembre 2017 così come accadde intorno alle ore 23 di mercoledì 3 maggio 2017 sul web è scattato “il panico” tra gli utenti dell’app numero uno di messaggistica del mondo. Impossibile inviare e ricevere messaggi o chiamate e strani rallentamenti si sono verificati anche su Facebook e Messenger. Molti hanno così cercato su Google “problemi whatsapp oggi” sottovalutando (non da ieri) che esistono anche delle validissime alternative tutte gratuite. E forse sarebbe il caso quantomeno di provarle.

+++ Articolo aggiornato venerdì 3 novembre 2017 +++

WhatsApp Down

Su Twitter la frase “WhatsAppDown” è ancora oggi di tendenza a causa del crash dell’app che è durato 2 lunghissime ore. Il malfunzionamento aveva dato i primi segnali già un’ora prima del crash con strani rallentamenti che avevano cominciato a innervosire gli utenti. Il popolo social, accortosi poi del blocco totale dell’app, si è scatenato: su Facebook e su Twitter un po’ tutti hanno scritto qualcosa. Chi si è divertito a scrivere battute, chi era incavolato all’ennesima potenza perché la figlia era appena partita in autobus per un viaggio di 1000 chilometri, fidanzati che non potevano darsi la buonanotte e, insomma, di tutto e di più.

Problemi whatsapp oggi

Su Google invece moltissimi hanno cercato “problemi whatsapp oggi” cercando di capire cosa stesse accadendo ma risposte non ce n’erano. E, a dirla tutta, non ce ne sono neanche oggi. L’unica risposta con tanto di scuse ufficiali (ma non di spiegazioni) l’ha data proprio Mark Zuckerberg su Facebook. Ecco il live twitting su Twitter:




Le APP alternative

Problemi Whatsapp oggi? Niente paura, le alternative ci sono e sono tante, gratuite e valide. Perché fossilizzarsi? Provarle non costa nulla…. Eccole:

  • TELEGRAM: è certamente l’alternativa numero 1 a Whatsapp e da quando ha inserito anche le chiamate vocali Telegram non ha davvero nulla da invidiare a nessuno. E’ da sempre molto attenta alla sicurezza e alla privacy: i messaggi sono infatti criptati (Whatsapp ci è arrivata dopo a questo risultato).
  • Skype: ha bisogno di poche presentazioni, chiamate, videochiamate e messaggi di testo. Tutto ormai si può fare anche con quest’app.
  • Facebook messenger: anche ormai in versione LITE, decisamente migliore di quella standard, più leggera e con tutte le funzioni utili per comunicare.
  • Viber: videochat live, chiamate vocali, messaggi di testo, chat di gruppo fino a 250 persone. Tutto quanto criptato. Possibilità di “nascondere” alcune chat.
  • Wechat: chiamate voce e video, chat di gruppo.
Altre alternative
  • ICQ: uno dei software di messaggistica che spopolavano negli anni ’90 sui pc insieme a Windows Live Messenger. ICQ è da tempo tornato con un’app per smartphone che presenta diverse funzionalità: dal login via numero di telefono alle chiamate voce e video criptate, alle live chat e ai messaggi vocali. Insomma un’app completa cui manca l’invio della posizione e, dopo averla provata, abbiamo verificato anche che gira troppo facilmente materiale porno. Dunque con cautela, ma da provare (tenendo lontano i più piccoli).
  • BBM: sviluppatori molto attenti alla privacy, chiamate vocali e video, messaggi di testo
  • KIK: con la possibilità, oltre a chattare, di fare videochiamate. Per comunicare, tra l’altro non c’è nemmeno bisogno di fare il numero di telefono all’interlocutore (funzione presente anche in Telegram), basta indicargli il proprio username.
  • Line: anche in questo caso chiamate voce e video oltre ai messaggi di testo.

Insomma, l’elenco è infinito e la lista che vedete potrebbe essere anche più lunga. E questo elenco lo aggiorneremo eventualmente con altri nomi di app di messaggistica interessanti e utili.

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU