Aumento della produzione vaccinale | Già attivati altri siti per produrre milioni di dosi di vaccini in tutto il mondo

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Articolo aggiornato mercoledì, 25 Agosto 2021 11:09

AUMENTO DELLA PRODUZIONE VACCINALE

Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha messo in atto raccomandazioni che contribuiranno all’aumento della produzione vaccinale e della sua capacità per la fornitura dei vaccini anti-COVID-19 nell’Unione Europea.

Siti produttivi aggiuntivi e aumento della capacità produttiva per Comirnaty

Il CHMP – spiega Aifa in una nota pubblicata ieri – ha approvato un sito produttivo aggiuntivo per Comirnaty, il vaccino anti-COVID-19 sviluppato dalle aziende BioNTech e Pfizer. Lo stabilimento localizzato a Saint Remy sur Avre, Francia, è gestito dalla azienda Delpharm e produrrà il vaccino nella sua formulazione finale. Il sito permetterà di fornire approssimativamente fino a 51 milioni di dosi in più nel 2021.

L’EMA ha anche approvato una nuova linea produttiva presso lo stabilimento della azienda BioNTech situato a Marburg, Germania. Questo consentirà l’aumento della capacità produttiva del principio attivo di approssimativamente 410 milioni di dosi nel 2021.

Sito produttivo aggiuntivo per Spikevax

Il CHMP ha anche approvato un sito produttivo aggiuntivo per Spikevax, il vaccino anti-COVID-19 sviluppato dalla azienda Moderna. Lo stabilimento localizzato a Bloomington, Indiana, Stati Uniti, è gestito dalla azienda Catalent e produrrà il vaccino nella sua formulazione finale.
In aggiunta al nuovo sito produttivo per questo vaccino, il CHMP ha anche approvato siti alternativi responsabili per i controlli/esami dei lotti prodotti e per il confezionamento del vaccino prodotto nello stabilimento gestito dalla azienda Catalent.

Il 30 luglio 2021, il CHMP ha approvato l’aumento della capacità produttiva del principio attivo presso due siti negli Stati Uniti (Moderna TX, Inc., Norwood, Massachusetts e Lonza Biologics, Inc., Portsmouth, New Hampshire).



SITI SUBITO OPERATIVI: NELL’UE SI PUNTA ALL’AUMENTO DI PRODUZIONE DI SPIKEVAX

Nell’insieme, ci si aspetta che questi cambiamenti consentiranno la produzione di 40 milioni di dosi in più di Spikevax. Queste saranno destinate a rifornire il mercato dell’Unione Europea nel periodo settembre-dicembre 2021.

Queste raccomandazioni – conclude Aifa – non richiedono che venga rilasciata la decisione della Commissione Europea e quindi i siti possono diventare operativi da subito.

LA CONTINUA OPERATIVITÀ DELL’EMA

L’EMA, tra le varie attività svolte:

  • dialoga continuamente con i titolari dell’autorizzazione all’immissione in commercio dei vaccini anti-COVID-19 che cercano di potenziare la loro capacità produttiva per rifornire di vaccini l’Unione Europea;
  • fornisce supporto con linee guida e pareri sui dati necessari per facilitare e rendere più rapide le procedure per aggiungere nuovi siti o aumentare la capacità produttiva dei siti esistenti al fine di assicurare vaccini anti-COVID-19 di alta qualità.

FONTE: Aifa.

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 1
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*