BONUS CULTURA | 18App, 500 euro ai giovani diciottenni, requisiti e domanda

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Bonus cultura 18app per 18enni

La Legge di Stabilità 2016 ha destinato 500 euro per i ragazzi il Bonus cultura 18App per 18enni che può essere utilizzato anche dagli esercenti. La misura è stata confermata nella Legge di Stabilità 2017. Scopriamo nel dettaglio di cosa si tratta.

+++ ATTENZIONE: per le registrazioni a 18app dei diciottenni nati nel 1999 si faccia click su questo nuovo articolo: Bonus studenti di 500 euro 2017-2018 +++


INDICE

Bonus esteso a tutto il 2017

La Legge di Bilancio 2017 (L.11 dicembre 2016, n. 232, comma 626), in vigore dal 1° gennaio 2017, ha dunque confermato il bonus cultura 18App per 18enni. I giovani nati nel 1998 e nel 1999 che hanno compiuto 18 anni di età nel 2016 e nel 2017, potranno richiedere il bonus con modalità stabilite attraverso modifiche al DPCM 15 settembre 2016, n. 187.

A quanto ammonta

Ammonta a 500 euro il bonus cultura 18App per 18enni che la Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015 , n.208) assegna a tutti i diciottenni, residenti in Italia, in possesso di permesso di soggiorno dove richiesto, al fine di promuovere lo sviluppo della cultura e la conoscenza del patrimonio culturale. Il bonus è operativo dal 3 novembre 2016 ed è utilizzabile fino al 31 dicembre 2017.



Per cosa può essere utilizzato

Può essere utilizzato per acquistare:

  • biglietti per assistere a rappresentazioni teatrali e cinematografiche e spettacoli dal vivo;
  • libri;
  • ingresso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali.
Come dimostrare di aver compiuto 18 anni (nel 2016)

I dati anagrafici dei beneficiari sono accertati attraverso il il Sistema Pubblico di Identità Digitale di cittadini e imprese (SPID) gestito dall’Agenzia per l’Italia Digitale. Le modalità di attribuzione e utilizzo del bonus sono state definite con il Decreto del Presidente del Consiglio 15 settembre 2016 n.187.

Torna SU all’Indice

Bonus cultura 18App per 18enni: termini e cosa bisogna fare per usufruirne

Il bonus cultura 18App per 18enni è gestito attraverso l’applicazione web denominata “18App” (cliccaci sopra per accedere), utilizzabile sia da parte dei diciottenni che da parte degli esercenti.

Chi ha compiuto 18 anni nel 2016 ha tempo fino al 30 giugno 2017 per registrarsi al Bonus Cultura e fino al 31 dicembre 2017 per spendere il bonus.

E dopo la registrazione ?

Il giovane otterrà una Carta elettronica che potrà utilizzare entro il 31 dicembre 2018 attraverso la generazione di buoni di spesa presso le strutture inserite in un apposito elenco consultabile sulla piattaforma informatica dedicata.

I buoni e come usarli

I buoni di spesa sono generati dallo stesso beneficiario (il 18enne), inserendo i dati richiesti sulla piattaforma elettronica da dove possono essere anche stampati. L’esercizio commerciale o il luogo culturale accreditato che accetta il buono, fa scalare il credito disponibile.

Cosa devono fare gli esercenti per accettare i buoni (o voucher)

Gli esercenti devono chiedere di essere inseriti in un apposito elenco dove spendere i buoni. Per farlo, i titolari interessati devono registrarsi entro il 30 giugno 2018 sulla piattaforma informatica dedicata (ossia qui: 18App esercenti). La registrazione avviene tramite le credenziali fornite dall’Agenzia delle Entrate, Fisconline (con codice fiscale) oppure Entratel (con username). In fase di registrazione l’esercente deve dichiarare che i voucher saranno accettati esclusivamente per gli acquisti previsti dalla norma (L. 28 dicembre 2015 n. 208).

Cosa deve fare l’esercente che riceve il buono

L’esercente che riceve un buono da un giovane deve validarlo (clicca qui: Valida il buono) inserendo l’ID del buono e il codice esercente. Accettando il voucher (il buono) gli è riconosciuto un credito di pari importo alla sala cinematografica o teatrale o agli altri luoghi scelti.



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Scrivo articoli sul fisco, sociale, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU