“Cara Nadia Toffa i malati non sono fighi” | Il post di Catia che fa riflettere e discutere

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Cara Nadia Toffa malati non fighi

Si sta discutendo ultimamente sulle rivelazioni di Nadia Toffa che ha dichiarato recentemente in tv di aver contratto un cancro. Sta girando il web un post scritto da Catia, una donna di Perugia che scrive: ” Cara Nadia Toffa malati non fighi “.

Lei aveva detto “Siamo dei fighi pazzeschi

Durante la puntata de Le Iene di domenica 11 febbraio Nadia Toffa ha svelato la sua malattima ricordando tutti coloro che combattono contro il cancro. Per sottolineare il coraggio di tutte queste sfortunate persone la Toffa aveva detto “Siamo dei fighi pazzeschi”. Tanti sono stati i messaggi di incoraggiamento e gli abbracci virtuali alla Toffa ma qualcuno ha anche dissentito.

Sta facendo discutere il lungo post di Catia, scritto il 17 febbraio e condiviso da 100mila persone sul social, che comincia così: “Beata te cara Nadia… che vivi su un altro pianeta, un pianeta dove avere il cancro fa sentire fighi“.

Ti dichiari guarita in 2 mesi???

Il messaggo di Catia prosegue così: “Beata te cara Nadia Toffa che in due mesi hai scoperto di avere un tumore, hai fatto l’intervento, chemio e radio, sei già al lavoro e ti dichiari guarita (????) Sai, qui, nel mondo di noi comuni mortali, ci sono persone che in due mesi non riescono neanche ad avere una diagnosi”. “Qui, nel nostro mondo – continua -, i medici ci avvisano del fatto che il Protocollo Ufficiale, può funzionare …. ma può anche ucciderci. Qui, curarsi, è un terno al lotto“.



Le persone “fighe”

I fighi – prosegue Catia nel suo post – sono quelli che devono mantenere il sorriso, ogni giorno mentre corrono da un ospedale all’altro in cerca di risposte. Sono quelli che piangono di nascosto”. Le persone fighe sono quelle che provano un senso di impotenza devastante, ma si comportano da supereroi. Sono quelle che tengono per mano, per una notte intera la persona amata, sapendo bene che quella potrebbe essere l’ultima notte“.

Le persone fighe sono quelle che restano lì per prendersi l’ultimo respiro, nonostante sappiano che quell’ultimo respiro non permetterà più loro, in seguito, di respirare con naturalezza. I malati no, cara Nadia, loro non sono fighi e non credo neanche si sentano fighi. Sono solo persone che vorrebbero essere trattate dai medici come tali e non come semplici casi da inserire nelle loro maledettissime statistiche“.

Cara Nadia Toffa malati non fighi: le reazioni social

Sono tanti coloro che hanno voluto esprimere (commentando) il proprio assenso al post di Catia, molti di loro si sono commossi, altri hanno cercato di comprendere le intenzioni della Toffa. Sta di fatto che il lungo messaggio di questa ragazza di Perugia fa riflettere tanto, pur comprendendo il messaggio che voleva mandare Nadia Toffa ai malati.

La cittadinanza onoraria

Recentemente il Consiglio comunale di Taranto ha approvato all’unanimità la mozione presentata dal consigliere Marco Nilo per il conferimento della cittadinanza onoraria di Taranto a Nadia Toffa. La mozione è arrivata grazie alle tante richieste e appelli dei cittadini di Taranto (anche) sui social per l’interessamento della Toffa alle questioni tarantine.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU