Casamassima è ancora allarme acqua? | Il sindaco: “Siamo stanchi!”

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Articolo aggiornato venerdì, 11 Maggio 2018 8:03

Casamassima è ancora allarme acqua?

Non sembra voler finire l’emergenza acqua perché forse a Casamassima è ancora allarme acqua. Così almeno sembrerebbe dalle lamentele dei cittadini di alcune zone del paese della provincia di Bari balzato agli “onori della cronaca nazionale” per il caso della contaminazione dell’acqua accertato il 6 maggio 2016.

Le parole dure del sindaco Vito Cessa

Dai rubinetti delle case di alcuni casamassimesi viene fuori acqua torbida. Siamo davvero stanchi! Io come primo cittadino non mi sento al sicuro, i casamassimesi non si sentono al sicuro. L’emergenza acqua non rientra. L’acqua pubblica a Casamassima rappresenta ancora un problema! Si saranno spenti i riflettori mediatici, ma non la nostra attenzione alla tutela della salute pubblica. Dal 6 maggio non ho mai smesso di seguire le evoluzioni del caso. Dal monitoraggio delle analisi dell’Arpa alla sanificazione delle cisterne pubbliche e private.

A seguito delle segnalazioni di tanti cittadini giunte ieri al comando della Polizia municipale di Casamassima ho immediatamente contattato l’Acquedotto Pugliese, la Asl e l’Arpa. Ho segnalato con precisione le vie dove si sta verificando questo ulteriore disagio e ho chiesto che vengano fatti ulteriori controlli“.

Prosegue il sindaco

“L’Acquedotto Pugliese avrebbe individuato la causa di quest’acqua scura e tutto dipenderebbe da alcuni lavori svolti nel nostro territorio. Per la seconda volta l’Ente fa un’azione senza informare l’amministrazione e senza tutelare pienamente i diritti dei casamassimesi! Dopo quanto abbiamo già dovuto sopportare per 14 interminabili giorni senza acqua potabile, ci saremmo aspettati una maggiore attenzione.

Tutti i casamassimesi stanno provvedendo a proprie spese alla sanificazione delle cisterne, l’amministrazione sta intervenendo a proprie spese su tutte le autoclavi degli edifici pubblici. Al momento non ho garanzie che questo ulteriore “incidente” non abbia contaminato anche i filtri che molti di noi hanno appena cambiato. La Procura sta svolgendo le sue indagini, ma io ritengo che l’intervento debba essere immediato. Dato il protrarsi del disagio questa mattina ho allertato anche la Prefettura di Bari chiedendo una sua azione diretta, affinché si provveda al ripristino della normalità idrica, ricorrendo gravi ragioni di sanità, di ordine e sicurezza pubblica che potrebbero sfociare in atti d’incontrollabile protesta.



Il paradosso: a Casamassima è ancora allarme acqua ma per alcuni…

Mentre forse a Casamassima è ancora allarme acqua e mentre le lamentele proseguono (se sono giustificate o meno, lo stabilirà chi di competenza) e mentre ancora la gente, non fidandosi dell’OK sull’avviso di ritorno alla potabilità dell’acqua, è in fila anche oggi alle autobotti per fare i rifornimenti, in paese ci risulta che ci sia anche qualcuno che sminuisce il problema della contaminazione nonostante questa sia stata accertata dalle analisi ufficiali eseguite dai laboratori. Le parole di costoro: “pfui.. si è esagerato..io ho continuato a berla l’acqua e non mi è successo niente“.

Si tratta di “impavidi cittadini”, gente come direbbero a Roma “Coi contro..“, gente politicamente interessata che teme per le sorti del “proprio” sindaco (il cui modo di gestire la vicenda è stato apprezzato da taluni e criticato da talaltri.. esiste o è mai esistita una figura politica che riesca o sia riuscita a mettere tutti d’accordo? Se sì, presentatecela..) o impeccabili amministratori di condominio ? Chi lo sa.. sta di fatto che, mentre in alcune case e in alcuni condomini tutti sembrano (fin dall’inizio) distanti e “immuni al problema”, in molti altri condomini e in molte altre case invece la gente sta vivendo male e non si sente sicura. Senza dimenticare le 300 persone che sarebbero finite in ospedale (siamo ancora in attesa di conoscere i numeri ufficiali) nella speranza che il numero non debba salire a causa di una nuova emergenza.

POTREBBERO INTERESSARTI


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU