Ecobonus automobili 2019 ed Ecotassa | I modelli ibridi ed elettrici scontati e una guida per capirne le differenze

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Ecobonus automobili 2019

Il Governo, con la nuova Legge di Bilancio 2019, ha varato un piano di incentivi (ecobonus automobili 2019) per acquistare a prezzi inferiori modelli a emissioni zero o ridotte. Sia chiaro però che i fondi per gli incentivi non sono illimitati perché il Governo ha stanziato 60 milioni per il 2019 e 70 milioni per il 2020 e 2021. Entrano in vigore venerdì 1° marzo 2019 le misure legate alle emissioni dei veicoli.

Ibride ed elettriche

Tutte le case automobilistiche si stanno adeguando alla nuova Manovra del Governo con sconti sulle auto a zero emissioni limitati (gli sconti) solo dal costo massimo di ogni singola auto (50 mila euro, ossia 61 mila euro Iva compresa). L’ecobonus non può dunque essere applicato ai modelli di auto di lusso e possono essere applicati alle:

  • auto ibride con emissioni di Co2 tra 21 e 70 g/Km : sconti da 1.500 euro (senza rottamazione) fino a 2.500 euro (con rottamazione dell’auto da euro 1 a euro 4);
  • auto elettriche: sconti da 4 mila euro a 6 mila euro
    con emissioni da 0 a 20 g/km (rottamando la vecchia auto).

I modelli elettrici compresi nell’ecobonus 2019

  • BMW i3;
  • Citroen C-Zero;
  • Citroen E-Mehari;
  • Kia Soul EV;
  • Mitsubishi i-MiEV;
  • Nissa
    • Leaf;
    • Evalia;
    • e-NV200;
  • Hyundai Ioniq;
  • Hyundai Nuova Kona Electric;
  • Peugeot iON;
  • Peugeot Partner Tepee 5 Porte;
  • Renault Zoe;
  • Smart EQ for-two;
  • Smart EQ for-four;
  • Tesla Model 3;
  • Volkswagen eGolf;
  • Volkswagen eUp!


I modelli IBRIDI (plug-in) compresi nell’incentivo
  • BMW Serie 2 Active Tourer;
  • BMW Serie 5 Berlina;
  • Hyundai Ioniq;
  • Kia
    • Niro Phev;
    • Optima Phev;
    • Optima SW Phev;
  • Mercedes GLC;
  • Mitsubishi Outlander Phev;
  • Mitsubishi Mini Countryman;
  • Toyota Prius;
  • Toyota Prius mild hibrid.
Auto ibride

L’auto ibrida (quella “classica” detta full hybrid inventata da Toyota) monta un motore termico e un motore elettrico che entra in azione quando l’auto ha bisogno di maggiore energia, disattivandosi poi quando non c’è bisogno. In questa versione sono presenti, tra gli altri, un generatore alternatore e le batterie (non ricaricabili da una presa elettrica di casa).

Auto ibride plug-in: ecco cosa sono

Ce lo spiega Toyota cosa sono le ibride plug-in: “L’insieme di un’auto ibrida e di un’auto elettrica. Un’ibrida plug-in ricarica le batterie direttamente dalla rete elettrica domestica come un’auto elettrica, ma può utilizzare con efficienza un motore a benzina come un’auto ibrida, liberandoti dalla preoccupazione di esaurire la carica nei tragitti più lunghi“. La capacità delle batterie di una plug-in è comunque maggiore, permettendo di percorrere anche fino a circa 50 km in modalità solo elettrica. Un esempio di ibrida plug-in? La Volkswagen Golf GTE …

Auto Mild hybrid

Diciamo subito che sono fuori da tutti gli incentivi ecobonus automobili 2019. Le Auto Mild hybrid non sono altro che la versione più recente delle ibride, una sorta di versione “mini” delle ibride classiche (full hybrid). Perché “mini”? Perché i componenti sono molto più piccoli (consumando e inquinando meno) rendendo questa versione adatta alle auto più piccole e poco costose. Attenzione però a scegliere questa versione perché (per ora) in molti comuni d’Italia la sosta gratis sulle strisce blu e/o l’accesso alla ZTL saranno solo un miraggio.

E riguardo all’ECOTASSA (malus) ?

Si tratta di una imposta (malus) che dovranno pagare i proprietari delle auto nuove calcolata in base alla quantità di Co2 emessa mediamente per chilometro. Queste sono le 4 fasce previste:

  • 1.100 euro per i possessori di auto con emissioni di 161-175 g/km;
  • 1.600 euro per 176-200 g/Km;
  • 2.000 euro per 201-250 g/Km;
  • 2.500 euro per i possessori delle auto con emissioni che superano i 250 g/Km.
Hai un’auto nuova e vuoi sapere se subirà il malus? Ecco una lista (aggiornabile)
  • Alfa Romeo Giulietta;
  • Citroen Space Tourer;
  • Dacia Dokker e Dacia Duster;
  • Fiat Tipo, Doblo e Ducato Pan;
  • Ford C-Max, Focus, Kuga e Mondeo;
  • Honda Civic e Cr-V;
  • Hyundai I30, Tucson;
  • Kia Sorento, Sportage e Stinger;
  • Mini Countryman;
  • Mitsubishi Pajer;
  • Nissan Juke e X-Trail;
  • Opel Corsa, Insignia, Mokka e Zafira;
  • Renault Koleos e Megane;
  • Ssangyong Korando, Rexton, Rodius e Tivoli.
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU