Leonardo Bonucci ceduto al Milan | I MOTIVI e il COLPO in canna della Juve

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Leonardo Bonucci ceduto al Milan

Può essere il colpo dell’estate, almeno lo si può considerare fino ad oggi: Leonardo Bonucci ceduto al Milan dalla Juventus che fa cassa ma perde un perno della difesa e dell’impostazione di gioco.

Orgoglioso di far parte della Juve“, disse

Sono le parole che scrisse su Twitter subito dopo la sconfitta in finale di Champions contro il Real ma si sa, il calcio è così… tutto passa in fretta. Chissà cosa penserà oggi che è passato ufficialmente al Milan cinese che è certamente più affamato della Juve, dopo 6 scudetti vinti consecutivamente. Il giocatore, ormai ex Juve, è arrivato in “casa Milan” oggi, intorno alle 14, per discutere gli ultimi dettagli del suo faraonico contratto con l’ad Marco Fassone. La firma arriverà certamente subito dopo mentre i tifosi del Milan lo hanno intanto accolto davanti alla sede del Milan con cori e grande soddisfazione.

E pensare che Bonucci si era regolarmente presentato stamattina al ritiro di Vinovo della Juventus, forse per dribblare i giornalisti. Quello però è stato una sorta di ultimo saluto ai suoi ex compagni, prima di perfezionare il suo addio anche ai dirigenti bianconeri.

Leonardo Bonucci ceduto al Milan: le CIFRE

Il passaggio di Bonucci dalla Juve al Milan dovrebbe essersi chiuso sulla base di 40 milioni di euro più altri 2 di bonus. Leonardo Bonucci ceduto al Milan con un ingaggio, come dicevamo “faraonico”, che sarà di 6,5 milioni di euro netti per le prossime 5 stagioni più bonus legati agli eventuali obiettivi centrati nella prossima stagione. Ecco il momento dell’arrivo in casa Milan…



Il post di Bonucci del giorno dopo

Sono passate sette stagioni. Sette stagioni di vittorie, di sogni realizzati, di crescita avvenuta attraverso un legame empatico ed eccezionale con la Juve, nella sua assoluta interezza. Sei scudetti, tutti vissuti e conquistati lottando. Rimane certo il rammarico grandissimo per non aver vinto la Champions, maggiore però è l’orgoglio per i successi ottenuti e per aver fatto parte di una grande Famiglia. Ho sempre dato tutto, davvero, fino alla fine. Ho ricevuto, dato e imparato. Quella che oggi vedo guardandomi indietro è comunque una splendida storia, degna di concludersi nel pieno rispetto e affetto, senza intaccare ciò che ho vissuto insieme alla Società, al Capitano, ai compagni e ai tifosi.

Grazie di tutto, Juve.

Ma chi ci guadagna davvero?

Sicuramente ci guadagna Bonucci, viste le cifre, ma ci guadagna (ebbene sì) anche la Juventus perché con 40 milioni in più si potrà fare un mercato di maggiore qualità. Almeno questo sperano i tifosi della Juventus che sono già scottati da cessioni “storiche” come quella più recente di Pogba a centrocampo e quella meno recente di Zidane. Infatti se è vero che le casse della Juve contengono ora più soldi, è anche vero che bisognerà sostituire uno che della difesa era un perno. E se davvero i bianconeri vorranno riprovare a vincere la Champions, dovranno ulteriormente rinforzare, invece di perdere dei pezzi molto importanti.

Anche il Milan ci guadagna perché inserisce al centro della difesa un giocatore esperto, non ancora vecchio (ha 30 anni) e che è un ottimo inizializzatore della manovra (e qualche volta segna anche). Un mercato rossonero che sta facendo sognare i tifosi del Milan dopo il rinnovo del giovanissimo Donnarumma, gli acquisti del giovane difensore 23enne Andrea Conti (preso dall’Atalanta) e del 31enne centrocampista Lucas Biglia dalla Lazio.

I motivi della cessione

Una cessione del genere lascia sempre un po’ scioccati. Nessuno si sarebbe mai aspettato che la Juve potesse pensare di cedere un giocatore cardine della difesa. I motivi? Ormai lo sanno anche i muri: il rapporto con Allegri ormai deteriorato ma anche con alcuni (ex) compagni coi quali erano scoppiati dei diverbi. Quello con Allegri si era palesato in diretta tv durante il match contro il Palermo, motivo per il quale Allegri lo aveva successivamente escluso dall’incontro di Champions di Oporto.

Il colpo in canna della Juve

E adesso? Rumors parlano di qualcosa più di un semplice contatto tra la Juve e Roma per Manolas ma anche per un vecchio pallino di Allegri, Thiago Silva. Per quest’ultimo è difficile, vuoi perché il giocatore ha quasi 33 anni, vuoi perché ha appena firmato il rinnovo e guadagna quasi 11 milioni all’anno. Tanto valeva (forse) tenersi Bonucci in questo ultimo caso.

Il colpo in canna potrebbe potrebbe allora essere l’acquisto di uno di questi giocatori o qualcun altro a sorpresa. Forse De Vrij della Lazio, bravo ma non ci sembra in grado di rimpiazzare uno come Bonucci. Oppure il 28enne tedesco Jérôme Boateng del Bayern Monaco o l’altro difensore 28enne tedesco Mats Julian Hummels, sempre del Bayern. Giocatori non facili da prendere perché sono perni difensivi (e costano anche), così come il 26enne Kalidou Koulibaly del Napoli. Il centrale rappresenterebbe anche un difficile affare dopo la cessione di Higuain, ancora oggi non digerita dai napoletani. Conoscendo Marotta e Paratici, non staranno certamente fermi a guardare i rinforzi delle altre squadre quindi, staremo a vedere….

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU