Brunetta elogia il Green Pass | “Un modello”, intanto certificati di malattia e tamponi in salita

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i

Articolo aggiornato venerdì, 15 Ottobre 2021 20:16

BRUNETTA ELOGIA IL GREEN PASS

Nonostante i cortei contro la certificazione verde di oggi in tutta Italia, Renato Brunetta elogia il Green Pass definendo l’Italia un modello da seguire.

IL GREEN PASS FUNZIONA. L’ITALIA MODELLO DI SICUREZZA IN EUROPA

A sostenerlo è il ministro per la pubblica amministrazione, Renato Brunetta sulla base dei dati del Commissario Figliuolo. “Le prime dosi – afferma – sono cresciute ieri del 34% rispetto all’inizio della settimana e, in generale, sono aumentate del 46% rispetto al trend stimato senza l’obbligo di certificazione verde. È l’effetto Green Pass“.

La strategia del Governo ha fatto balzare l’Italia ben al di sopra della media Ue – prosegue Brunetta. Ormai circa 46 milioni di italiani hanno ricevuto almeno una dose: l’85% della platea vaccinabile. L’81% ha completato il ciclo vaccinale“.

L’ARGOMENTO GREEN PASS SUL LAVORO

Brunetta si sofferma anche sull’obbligatorietà sul posto di lavoro dicendo: “Il green pass per i lavoratori è un acceleratore della ripartenza del Paese in sicurezza. Un traguardo importantissimo, ancora di più per la Pubblica amministrazione, dove da oggi si abbandona lo smart working emergenziale per entrare in una nuova normalità“.

Secondo il ministro si è raggiunta la “Piena operatività del front office e del back office, il lavoro agile strutturato e regolato, grazie ai rinnovi contrattuali in via di definizione e ai Piani integrati di attività e organizzazione (Piao) che le amministrazioni dovranno adottare entro il 31 gennaio 2022“.

NESSUNA CRITICITA’ AL LAVORO

L’assenza di criticità nella Pa – prosegue Brunetta – testimonia la bontà delle scelte del Governo e dei provvedimenti varati per accompagnare l’obbligo di certificazione verde e il rientro negli uffici: il monitoraggio del Dipartimento della Funzione pubblica, in collaborazione con Formez PA, non ha evidenziato difficoltà negli accessi ai luoghi di lavoro e nell’organizzazione degli enti“.

IN AUMENTO CERTIFICATI DI MALATTIA E TAMPONI

Alle ore 12 i dati Inps sui certificati malattia, nel pubblico e nel privato, registravano un lieve aumento: erano 47.393 contro i 38.432 dell’8 ottobre e i 44.903 del 1° ottobre. Il sistema tamponi, al momento, sta tenendo: alle 13 ne risultavano effettuati circa 200mila, contro i 100mila di ieri.

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*