Giugno 2016 aumentano gli occupati | Matteo Renzi “Effetti del JOBSACT”

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Giugno 2016 aumentano gli occupati

Secondo Matteo Renzi sono gli effetti del jobsact: a giugno 2016 aumentano gli occupati. Lo dicono le stime del nuovo rapporto ISTAT sull’occupazione.

Il Premier ne ha parlato proprio oggi a Taranto, ne abbiamo parlato qui: Duramente contestato RENZI dai tarantini | Il Premier è nella città dell’ILVA

I dati provvisori ISTAT

A giugno la stima degli occupati aumenta dello 0,3% (+71 mila persone occupate), proseguendo la tendenza positiva già registrata nei tre mesi precedenti (+0,3% a marzo e ad aprile, +0,1% a maggio).

Tale crescita è attribuibile sia alla componente maschile sia a quella femminile e riguarda gli indipendenti (+78 mila), mentre restano sostanzialmente invariati i dipendenti.

Il tasso di occupazione, pari al 57,3%, aumenta di 0,1 punti percentuali sul mese precedente.

I movimenti del secondo trimestre 2016

I movimenti mensili dell’occupazione determinano nel secondo trimestre del 2016 un consistente aumento degli occupati (+0,6%, pari a 145 mila unità) rispetto al primo trimestre, con segnali di crescita diffusi sia per genere sia per posizione professionale e carattere dell’occupazione.

Dopo il calo di maggio (-0,8%), la stima dei disoccupati a giugno aumenta dello 0,9% (+27 mila).

L’aumento è attribuibile agli uomini (+2,0%) a fronte di un lieve calo tra le donne.

Disoccupazione

Il tasso di disoccupazione è pari all’11,6%, in aumento di 0,1 punti percentuali su maggio.

Diminuisce di 0,3 punti il tasso di disoccupazione tra i giovani 15-24enni.

Gli inattivi

La stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni a giugno diminuisce dello 0,4% (-51 mila), proseguendo il calo dei tre mesi precedenti.

La diminuzione riguarda uomini e donne. Il tasso di inattività scende al 35,1% (-0,1 punti percentuali).

Nel trimestre aprile-giugno l’aumento degli occupati (+0,6%, pari a +145 mila) è associato ad un calo degli inattivi (-1,3%, pari a -181 mila), mentre i disoccupati sono in lieve aumento (+0,2%, +7 mila).

La tendenza su base annua

Su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+1,5%, pari a +329 mila).

La crescita tendenziale è attribuibile sia ai dipendenti (+1,4%, pari a +246 mila) sia agli indipendenti (+1,5%, pari a +83 mila) e si manifesta per uomini e donne, concentrandosi tra gli over 50 (+264 mila) e i 15-34enni (+175 mila).

Nello stesso periodo calano i disoccupati (-4,5%, pari a -140 mila) e gli inattivi (-2,3%, pari a -325 mila).

LEGGI altre notizie su LAVORO



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU