Pace Award 2020 per Marelli Europe SpA | Alla multinazionale italiana il prestigioso premio

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Articolo aggiornato giovedì, 30 Aprile 2020 20:34

Pace Award 2020 per Marelli

Prestigioso riconoscimento denominato Pace Award 2020 per Marelli Europe SpA, assegnato dalla testata internazionale “Automotive News”.

INNOVAZIONE E SVILUPPO TECNOLOGICO

La premiazione è avvenuta durante una cerimonia virtuale tenutasi martedì 28 aprile. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato a 13 fornitori automotive che si sono distinti in materia di innovazione e sviluppo tecnologico.

Marelli si è aggiudicata il premio grazie al modulo di illuminazione h-Digi, che proietta un fascio abbagliante anti-riflesso ad alta risoluzione grazie ai suoi 1,3 milioni di pixel.

IL MODULO H-DIGI

Il modulo h-Digi, realizzato da Marelli Automotive Lighting, rappresenta la prima applicazione della tecnologia digitale a microspecchi (DMD) ai sistemi di illuminazione dei veicoli. I fattori chiave alla base di questa innovazione sono stati:

  • l’impegno a favorire maggiore sicurezza e comfort per il conducente;
  • l’opportunità di sviluppare una soluzione che agevolasse l’assistenza e la comunicazione per chi è alla guida.


I NUMEROSI E IMPORTANTI VANTAGGI

La tecnologia h-Digi offre tanti vantaggi:

  • consente agli anabbaglianti e agli abbaglianti di emettere un campo luminoso maggiore;
  • aumenta l’intensità della luce quando sono attive le funzioni degli abbaglianti e dei fari adattivi;
  • garantisce un’illuminazione estremamente precisa, senza riflessi che potrebbero pregiudicare la visibilità dei conducenti delle vetture che procedono in senso contrario.
LA TECNOLOGIA DMD

Pur essendo disponibile da diversi anni in una configurazione semplificata per l’elettronica di consumo, la tecnologia DMD rappresenta nel settore automotive un componente ottico completamente nuovo, in grado di offrire un livello d’illuminazione e di risoluzione superiore rispetto agli altri proiettori presenti sul mercato. Inoltre, è in grado di proiettare sul manto stradale simboli di allarme e di assistenza per il conducente.

LA LUCE COME MEZZO DI COMUNICAZIONE

H-Digi è il primo modulo di illuminazione che utilizza la luce come mezzo di comunicazione: le immagini proiettate sulla strada includono, ad esempio, linee di carreggiata, allerte meteo, variazioni dei limiti di velocità, segnalazioni relative a cantieri, illuminazione selettiva dei passanti e simboli per gli attraversamenti pedonali.

Un sistema ad alta risoluzione che non solo accresce la sicurezza e il comfort del conducente, ma gioca un ruolo importante anche nello sviluppo di vetture a guida autonoma e semi-autonoma. Utilizzando le opportunità offerte dalla tecnologia veicolo-infrastruttura (V2I) sarà possibile consolidare ulteriormente la proiezione delle immagini, aumentando le tipologie di messaggi trasmessi.

Il premio “PACEpilot 2020 Honoree”

“Automotive News” ha conferito a Marelli anche il premio “PACEpilot 2020 Honoree” per il suo quadro strumenti 3D (“Glasses-Free 3D Display Technology”), che non richiede l’uso di specifici occhiali per abilitare la visione tridimensionale.

Un fattore chiave su cui si basa l’innovazione presentata da Marelli è la tecnologia “auto-stereoscopica” (AS3D), sviluppata in partnership con Alioscopy, azienda francese che ha introdotto per prima l’uso di display 3D senza l’ausilio di occhiali nel mercato della comunicazione e della segnaletica digitale, nonché nel settore dell’imaging professionale.

La tecnologia AS3D abilita l’effetto tridimensionale senza l’uso di occhiali, consentendo di percepire la dimensione della profondità anche a occhio nudo. Gli schermi 3D assicurano che i messaggi di allerta più importanti catturino l’attenzione del conducente, senza costringerlo a distogliere lo sguardo dalla strada.

Consulenza medico-scientifica sui processi anti-Covid-19: per Marelli anche la partnership con Lifenet sul progetto “BackOnTrack”

Nell’ambito delle iniziative predisposte per consentire la ripresa produttiva dell’azienda in sicurezza, Marelli ha anche siglato una partnership con Lifenet Healthcare focalizzata sul progetto “BackOnTrack”. Si tratta di un insieme di attività di consulenza tecnica e medico-scientifica mirate alla ripartenza sicura delle aziende italiane, sviluppato da un pool di esperti:

  • Roberto Burioni, professore Ordinario di Microbiologia e Virologia presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano;
  • il team di Lifenet Healthcare (tra cui il CEO, Dott. Nicola Bedin, e il Chief Medical Officer, Dott. Franco Perona).
OBIETTIVO PRIMARIO PER MARELLI: TUTELARE AL MEGLIO LA SALUTE DELLE PERSONE PER LA RIPRESA DELL’ATTIVITÀ PRODUTTIVA

Per Marelli l’obiettivo primario è quello di verificare da un punto di vista medico-scientifico le misure di contrasto al Covid-19, già identificate attraverso i protocolli locali e applicate dall’azienda nei plant italiani.

L’attività di collaborazione mira anche a definire in dettaglio eventuali soluzioni aggiuntive o ulteriori dettagli operativi, onde assicurare costantemente, nel tempo, le migliori condizioni di protezione all’interno dell’ambiente di lavoro.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 6
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU