Squisita FRITTATA con la PASTA avanzata | Orgoglio NAPOLETANO in tavola

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Squisita FRITTATA con PASTA avanzata

Oggi parliamo di un must della cucina partenopea (poi diffusosi in tutto Il Sud), disarmante nella sua semplicità e nata come piatto “da recupero”, eppure di una incredibile bontà: la squisita frittata con pasta avanzata.

Piatto popolare e buonissimo

La frittata di pasta ha origini antiche e nasce dall’ingegno del popolo di riciclare la pasta avanzata poiché, secondo la saggezza popolare, “a tavola non si butta via niente” e quindi aggiungendo uova, formaggio, sale e pepe alla pasta del “giorno prima” è nato questo piatto umile eppur buonissimo. Per realizzare un’ottima frittata di pasta si possono usare gli spaghetti, i bucatini o i vermicelli ma nulla vieta di usare il formato di pasta che più vi piace o qualunque altro formato avanzato il giorno prima.

Per regalare più sapore si può aggiungere anche salame napoletano, oppure insaporire la vostra frittata di pasta aggiungendo gli ingredienti preferiti così da dare così un tocco personale al piatto. In Campania (e in molte altre zone del Sud) questa pietanza viene tradizionalmente preparata per le gite fuori porta, siano esse in campagna oppure al mare. Vediamo dunque come prepararla…

Ingredienti

  • 300 g di spaghetti avanzati (o altri formati di pasta a scelta)
  • 4 uova
  • sale e pepe q.b.
  • Grana grattugiato q.b.
  • una noce di burro
  • provola affumicata 100 g
  • salame napoletano a seconda del gusto
  • olio EVO q.b.


Preparazione

Porre in una terrina la pasta con le uova sbattute a cui avrete aggiunto un pizzico di sale, il Grana grattugiato, il burro, il salame a cubetti e un po’ di pepe. Mescolare bene il composto (eventualmente si può miscelare al composto anche un po’ di latte secondo il vostro gusto). Riscaldare in una padella antiaderente un filo d’olio, versare metà composto di uova e pasta mettere la provola affumicata a fettine sottili e ricoprire col restante composto. Far cuocere a fuoco lento. Non appena si forma una leggera crosticina sul lato inferiore girare la frittata con l’aiuto di un coperchio o un piatto, quindi portare a termine la cottura anche dall’altro lato. Servire la frittata di pasta avanzata tiepida o addirittura fredda, sarà una squisitezza!

LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU