Stato di emergenza prolungato al 2022 | Per gli italiani ancora Green Pass e tamponi

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i

Articolo aggiornato mercoledì, 15 Dicembre 2021 11:42

STATO DI EMERGENZA PROLUNGATO AL 2022

E così Draghi & Co. ce l’hanno fatta a prorogare una situazione che per molti esperti di emergenza ha ancora poco: stato di emergenza prolungato fino al 2022.

IL DECRETO LEGGE

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato il decreto-legge. Tramite il decreto vengono prorogati lo stato di emergenza nazionale e le misure per il contenimento dell’epidemia da COVID-19 fino al 31 marzo 2022.

Per effetto del provvedimento – spiega il Governo – sono anche prorogati i poteri derivanti dallo stato di emergenza al Capo del Dipartimento della Protezione Civile. Allo stesso modo è prorogata la struttura del Commissario straordinario per l’attuazione e il coordinamento delle misure di contenimento e contrasto dell’emergenza epidemiologica.

GREEN PASS: RESTA TUTTO COM’È

Restano in vigore anche le norme relative all’impiego del Green Pass e del Green Pass rafforzato e ai test antigenici rapidi gratuiti e a prezzi calmierati.
Il decreto stabilisce, infine, l’estensione, sino al 31 marzo 2022, della norma secondo cui il Green Pass rafforzato debba essere utilizzato anche in zona bianca per lo svolgimento delle attività che altrimenti sarebbero oggetto di restrizioni in zona gialla.

QUANDO ENTRA IN VIGORE IL DECRETO

Il nuovo decreto entrerà in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sarà presentato alle Camere per la conversione in legge.

IL PREMIER DRAGHI ALLA CAMERA

Mario Draghi, oggi, nell’informativa alla Camera in vista del Consiglio Ue, ha detto:

I dati di oggi descrivono un quadro molto diverso rispetto all’anno scorso. Il numero totale di persone attualmente positive al virus in Italia è 297 mila. Dodici mesi fa erano 675 mila, nonostante un livello di restrizioni molto maggiore. Le persone ricoverate sono 8.026. Il 14 dicembre 2020 erano 30.860.

Negli ultimi sette giorni ci sono stati in media 95 decessi al giorno. Nello stesso periodo di un anno fa erano stati 629. Dobbiamo essere prudenti, ma ci avviciniamo al Natale più preparati e più sicuri“. Ha concluso il premier: dobbiamo difendere la normalità che abbiamo conquistato ‘con le unghie e con i denti”.

PER GLI ITALIANI DUNQUE ANCORA GREEN PASS E TAMPONI

Proseguirà dunque almeno fino a fine marzo la tortura dei tamponi che dal Governo definiscono “a prezzi calmierati”. Una definizione bugiarda in quanto in realtà tutti sanno che il vero costo dei tamponi è di pochi centesimi ma vengono “rivenduti” a prezzi esorbitanti.

Anche per il Green Pass (super o base che sia) non cambia nulla. Gli italiani saranno ancora legati a questo assurdo strumento di cui si è recentemente scoperta una clamorosa falla. Chissà infatti a quanti vaccinati positivi al Covid è stato concesso di andarsene in giro con una certificazione verde che avrebbe dovuto essere sospesa.

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 49
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*