Maurizio Stecca intubato per Covid | L’ex pugile è vaccinato con doppia dose

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i

Articolo aggiornato giovedì, 30 Dicembre 2021 11:21

MAURIZIO STECCA INTUBATO PER COVID

L’ex campione di pugilato Maurizio Stecca intubato per Covid, ricoverato all’ospedale Ca’ Foncello di Treviso.

ERA IN ATTESA DELLA TERZA DOSE

Il 58enne Stecca è vaccinato, ha già ricevuto due dosi e stava per ricevere la terza dose. È stato lo stesso campione olimpico dei pesi gallo a Los Angeles nel 1984 a darne notizia sul proprio profilo Facebook.

Queste le parole di Stecca, ritirato dall’attività agonistica nel 1995:

«Ho cominciato il match più difficile della mia vita contro un avversario chiamato Covid. Non so quante riprese ci vorranno, sicuramente tante. Io, abituato a tantissime battaglie sempre vinte, sicuramente non indietreggerò mai davanti a questo maledetto avversario».

IL POST DI STECCA SU FACEBOOK

LA FORMA PIU GRAVE DEL COVID

Nonostante dunque la doppia dose ricevuta di vaccino, Stecca si è ammalato di Covid e lo ha contratto nella forma più grave. Da quanto si sa, l’ex pugile ha prima provato a curarsi a casa ma è stato poi costretto al ricovero in ospedale a causa dell’aggravarsi delle sue condizioni.

TANTI I MESSAGGI DI SOLIDARIETÀ

Il post di Stecca, corredato di una foto che mostra le attuali condizioni del campione di boxe, ha ricevuto e sta ricevendo tanti messaggi di solidarietà. A questi messaggi ci uniamo anche noi augurando al campione italiano di riprendersi quanto prima.

Allo stesso tempo (ci) facciamo una riflessione: se Governo e mondo sanitario hanno detto e dicono agli italiani che bisogna vaccinarsi perché il vaccino protegge dalle conseguenze più gravi del Covid, come si spiegano questi casi drammatici anche per le persone vaccinate?

LA GUARIGIONE

Il campione di boxe ha successivamente annunciato su Facebook la sua guarigione dopo 13 giorni durante i quali ha temuto per la sua vita.

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 143
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*