Stefano Tacconi ad Alberobello | (VIDEO) Vacanza tra i trulli per l’ex portiere della Juventus

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Stefano Tacconi ad Alberobello

La Puglia continua a essere una meta ambita per molti personaggi molto noti. E’ la volta di Stefano Tacconi ad Alberobello che abbiamo avvistato nel giorno di Ferragosto tra i trulli.

Vacanza tra i trulli con famiglia

Ferragosto pugliese per l’ex portierone della Juventus che ha scelto una delle località più belle del mondo per trascorrere la sua vacanza. Si tratta di Alberobello appunto, dove abbiamo intercettato Stefano Tacconi passeggiare tra i trulli insieme alla sua famiglia.

Nella foto lo abbiamo immortalato mentre usciva da una nota gelateria-pasticceria di Alberobello. Oggi 60enne, il perugino Stefano Tacconi è nato il 13 maggio 1957 e ha fatto parte della grande Juve del Trap. È sposato in seconde nozze con Laura, da cui ha avuto quattro figli. Al termine della carriera calcistica ha conseguito il diploma di cuoco, divenendo poi imprenditore nel campo della ristorazione.

Stefano Tacconi ad Alberobello: la CARRIERA

Trasferitosi a 26 anni dall’Avellino alla Juve, Tacconi ha vinto praticamente tutto insieme alla Vecchia Signora fin dal primo anno bianconero (1983-1984). Quell’anno a Tacconi fu data la grande responsabilità di sostituire il campione del Mondo Dino Zoff, ritiratosi in estate e lui non deluse. Sette presenze e due gol subiti in Nazionale dov’è stato il vice di un altro grande portiere (dell’Inter), Walter Zenga. In Nazionale arrivò in semifinale, come secondo di Zenga, al campionato d’Europa 1988 in Germania Ovest. Partecipò anche ai Mondiali di Italia ’90 nei quali l’Italia (che si piazzò al 3° posto) perse in semifinale contro l’Argentina di Maradona.



Quante soddisfazioni con la Juve

Ma è nella Juve che Tacconi si è tolto delle grandi soddisfazioni vincendo scudetti e diversi trofei. Era la Juve di Paolo Rossi, Michel Platini, Boniek, Tardelli, Antonio Cabrini, Gaetano Gentile, il mastino Brio e il compianto Gaetano Scirea. Insieme a loro conquistò subito Scudetto (il 21° della Juve) e Coppa delle Coppe, vinta a Basilea contro il Porto grazie anche alle sue parate.

Arrivarono poi altre grandi soddisfazioni: un altro Scudetto, la Supercoppa Europea, la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale. Quest’ultima arrivata ai calci di rigore dove Tacconi fu pure decisivo con le sue parate. Chiuso il ciclo di Trapattoni e Platini, Tacconi non si fermò vincendo anche la Coppa Italia e la Coppa UEFA, indossando la fascia di capitano.

stefano tacconi ad alberobello
Torino, Stadio Comunale – 11 settembre 1983. La formazione della Juventus scesa in campo nella vittoriosa gara contro l’Ascoli (7-0). Prima giornata del campionato italiano di Serie A 1983-1984. Da sinistra, in piedi: S. Brio, S. Tacconi, M. Platini, C. Gentile, D. Penzo, G. Scirea (capitano); Accosciati: A. Cabrini, M. Bonini, Z. Boniek, M. Tardelli, P. Rossi.
Palmarès di Tacconi
stefano tacconi ad alberobello
Tacconi ai tempi della Juve

Stefano Tacconi nella sua brillante carriera ha vinto insieme alla Juventus i seguenti titoli, prima di ritirarsi nel 1994:

  • 2 Scudetti (1983-1984 e 1985-1986)
  • 1 Coppa Italia (1989-’90)
  • Una Coppa dei Campioni (1984-’85)
  • 1 Coppa Uefa (1989-’90)
  • Una Coppa delle Coppe (1983-’84)
  • 1 Coppa Intercontinentale (1985)
  • Una Supercoppa Uefa (1984)
  • 1 Coppa Italia Primavera con l’Inter nel 1975-’76
LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU