Torna Uno Maggio Taranto 2022 | Il concertone “Libero e Pensante”

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i

Articolo aggiornato giovedì, 31 Marzo 2022 16:56

TORNA UNO MAGGIO TARANTO 2022

Dopo due anni di stop dovuti alla pandemia, torna Uno Maggio Taranto 2022, il concertone della città ionica ormai atteso ovunque. “Uno Maggio Taranto, non Primo Maggio“, come tengono a precisare gli organizzatori nella conferenza stampa di qualche giorno fa.

UN’ATTESA INFINITA

Quasi non ci si crede, 24 lunghissimi mesi di attesa pieni di paure, ansie e tanto dolore provocati dalla pandemia che ha cambiato le nostre vite. Dopo tutto questo tempo e nonostante la guerra in Ucraina, il Governo ha dato il via libera anche ai concerti e agli eventi.

Ed ecco che da Taranto si torna a urlare il rispetto dei diritti negati sul palco della splendida cornice del Parco Archeologico delle Mura Greche. Il mezzo? La musica, lo stare insieme e i tanti presenti che parteciperanno come ogni edizione. A presentare quella di quest’anno i direttori artistici Roy Paci, Michele Riondino e Antonio Diodato, oltre a Simona Fersini, Virginia Rondinelli e Gianni Raimondi.

Il TEMA DI QUESTA EDIZIONE

Le lavoratrici e i lavoratori saranno il fulcro di questa edizione perché devono essere i protagonisti della transizione ecologica autentica” – ha dichiarato Simona Fersini.

Un passaggio obbligato senza il quale – ha sottolineato Virginia Rondinelli – non potrà mai realizzarsi una vera giustizia ambientale e quindi sociale, tema già presente nel nostro dibattito dal 2018. Ovunque si replichi il fallimentare modello di sviluppo tarantino – ha continuato – il diritto al lavoro deve poter essere esercitato attraverso un legame sano e solido tra lavoratore e territorio”.

TARANTO, NON È CAMBIATO NULLA

“Taranto, come molti altri SIN, diventa la nuova torta di finanziamenti di cui accaparrarsi subito qualche fetta. Poco importa se le cause più determinanti della sofferenza nostra e del territorio non verranno rimosse” – scrivono i Liberi e Pensanti.

A queste operazioni di facciata – replicate in ogni territorio sfruttato, che oggi trovano una sponda miseramente strumentalizzata dalla follia bellica che ruota attorno al gas – noi ci opponiamo fermamente, come ci siamo opposti alla fasulla difesa del lavoro il 2 agosto di dieci anni fa” – proseguono.

LA SCALETTA? LEGGI: CANTANTI UNO MAGGIO TARANTO 2022

IL PERENNE RICATTO “LAVORO/SALUTE”

Anno dopo anno i dati occupazionali e persino i punti del Pil nazionale hanno messo a nudo la scarsa incidenza positiva di un impianto abnorme ed obsoleto (ex Ilva, oggi Acciaierie d’Italia), che per contro continua a produrre malattia e morte. Il nuovo mantra sposato dai politici istituzionali è il ‘rischio accettabile’. Da chi? Questa è la domanda che poniamo!” – sottolineano.

Noi dobbiamo ottenere, come comunità che vanta un credito inestimabile nei confronti di uno Stato finora ingiusto, la partecipazione inderogabile al controllo del piano di risarcimento e di ripristino di condizioni ambientali sane, quindi socialmente eque, attraverso i fondi messi a disposizione dal PNRR.” – concludono i Liberi e Pensanti.

L’INCONTRO TRA I VARI MOVIMENTI

La Rondinelli ha ricordato che l’evento in programma sarà incontro tra tanti movimenti (tra questi: NO TAP e NO TAV) che meritano un sostegno particolare per le misure repressive adottate a loro carico. “Ci saranno realtà della Campagna per il clima e fuori dal fossile (cittadinanza ed esperti), per mettere a punto un’azione che incida nei processi decisionali verso la “riparazione” a cui abbiamo diritto come comunità sfruttata” – ha concluso la Rondinelli.

Al dibattito politico saranno presenti Stefania Barca, docente di Ecologia Politica presso il Centro degli Studi Sociali dell’Università di Coimbra e Mario Pansera, economista e docente presso il Departament d’Empresa, Universitat Autonoma de Barcelona e docente all’Università di Vigo.

TORNA LA MUSICA

L’Uno Maggio Libero e Pensante non sarà solo un momento di riflessione e di lotta civile ma anche di musica. “Era nostro dovere ritornare su quel palco” – ha commentato Roy Paci.

E i cantanti? Chi sarà a salire sul palco dell’Uno Maggio? Bocche ancora cucite sui nomi degli artisti che hanno già dato la loro adesione ma presto arriveranno i primi nomi.

CONCORSO BAND EMERGENTI

Come ogni anno sarà l’occasione per le band emergenti di esibirsi sul palco dell’Uno Maggio partecipando al contest “DESTINAZIONE UNO MAGGIO”, il cui regolamento è disponibile sulle pagine social del Comitato.

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*