18 richieste per incendi boschivi | Diversi interventi al centro-sud il 2 agosto

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Articolo aggiornato mercoledì, 3 Agosto 2016 10:32

18 richieste per incendi boschivi

Diversi interventi nelle regioni del centro-sud il 2 agosto 2016 in seguito a 18 richieste per incendi boschivi ricevute.

La Protezione Civile fa il punto

Prosegue l’impegno dei velivoli della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile.

Anche ieri 2 agosto 2016, gli equipaggi sono stati impegnati ininterrottamente dalle prime luci del giorno nelle operazioni di contrasto ai numerosi incendi boschivi per cui si è reso indispensabile il supporto aereo alle operazioni svolte dalle squadre a terra.

18 richieste di intervento aereo

Alle ore 18, sono state 18 le richieste di soccorso aereo ricevute dal Centro Operativo Aereo Unificato (COAU) del Dipartimento, di cui 8 dalla Sicilia, 7 dalla Calabria e una rispettivamente dalla Puglia, Sardegna e dal Lazio.



Le cause

Nella maggior parte dei casi, è il comportamento irresponsabile dell’uomo e il mancato senso civico. Chi, infatti, non segnala tempestivamente i roghi rende la forza distruttiva degli incendi ancora più grave e difficile da domare.

La note della Protezione Civile

L’intenso lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei (14 Canadair e 5 elicotteri) ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere almeno undici roghi. Le attività di lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguiranno finché le condizioni di luce consentiranno di operare in sicurezza“.

La collaborazione può essere determinante

La maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi. La collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d’emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.

Fornendo informazioni il più possibile precise, si contribuisce in modo determinante nel limitare i danni all’ambiente, consentendo a chi dovrà operare sul fuoco di intervenire con tempestività, prima che l’incendio aumenti di forza e di capacità distruttiva.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU