Antipasto Benedetto pasquale | Tradizione barese del pranzo di Pasqua

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Antipasto Benedetto pasquale

L’antipasto Benedetto pasquale barese è composto tradizionalmente da ingredienti territoriali e semplici. Nel loro insieme creano un piatto fresco e buonissimo, con tutto il gusto della Pasqua!

Le origini

La tradizione familiare arcaica voleva che nelle numerose famiglie del passato fosse consuetudine benedire la tavola e ringraziare Dio per il cibo donato. Tutti facevano il segno di croce prima di cominciare a mangiare. A tavola non mancava il ramoscello d’ulivo benedetto che ha ispirato il nome dell’antipasto.

I tempi sono cambiati perché i pranzi nei giorni di festa erano gli unici in cui si poteva godere del privilegio di mangiare “cibi di lusso”. Il magro bilancio familiare infatti non permetteva durante l’anno di portare in tavola tali cibi.

Ingredienti

Ecco gli ingredienti dell’antipasto Benedetto pasquale:

  • ricotta (rigorosamente made in Puglia!)
  • uova sode
  • capocollo (di Martina Franca!)
  • arance
  • olive nere
  • rucola
  • taralli (leggi anche ricetta taralli tarantini)


Antipasto Benedetto pasquale: PREPARAZIONE

Affettare le arance (non sbucciate!) e le uova sode, disporre la ricotta al centro del piatto e procedere componendolo con gli altri ingredienti a piacere. Risultato? Un Benedetto pasquale a regola d’arte, auguri e buona Pasqua! 🙂

TI POTREBBERO INTERESSARE
@ Riproduzione riservata



Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Commenta l'articolo

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica

La Gazzetta Digitale

Torna SU