Bando assistenti di lingua italiana all’Estero | Aperte le selezioni per l’anno scolastico 2018-2019

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Bando assistenti italiani Estero 2018-2019

Il Ministero dell’Istruzione comunica che per l’anno scolastico 2018-2019, sulla base di specifici Accordi Culturali e relativi Protocolli Esecutivi, sono disponibili posti di assistente di lingua italiana presso le istituzioni scolastiche nei Paesi dell’U.E. Il numero esatto dei posti per il prossimo anno scolastico sarà reso noto dalle autorità competenti dei Paesi partner nel corso dell’anno 2018. In questo articolo trovate tutte le info relative al bando assistenti italiani Estero 2018-2019.

Di cosa si tratta

Agli assistenti è richiesto di affiancare i docenti di lingua italiana in servizio nelle istituzioni scolastiche del Paese di destinazione per fornire un originale contributo alla promozione ed alla conoscenza della lingua e della cultura italiana.

L’attività dell’assistente di lingua copre un periodo di circa 8 mesi presso uno o più istituti di vario ordine e grado e comporta, di regola, un impegno della durata di 12 ore settimanali, a fronte del quale viene corrisposto un compenso variabile a seconda del Paese di destinazione. Dettagli ed ulteriori informazioni sui contenuti dell’incarico sono riportati nell’allegato A.

REQUISITI

  • Cittadinanza italiana;
  • non aver compiuto il 30° anno di età;
  • aver conseguito dal 1° marzo 2016 un diploma di laurea specialistica/magistrale tra quelli indicati nella Tabella 1;
  • non essere stato assistente di lingua italiana all’estero su incarico del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca;
  • non essere legato da alcun rapporto di impiego o di lavoro con amministrazioni pubbliche nel periodo settembre 2018 – maggio 2019 (periodo dell’incarico del presente avviso);
  • idoneità fisica all’impiego;
  • non aver rinunciato all’incarico conferito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per l’a.s. 2017/2018;
  • aver sostenuto almeno 2 esami nel corso di Laurea (vedi dettagli nelle tabelle 2 e 3 dell’Avviso):
    • triennale
    • quadriennale
    • specialistica/magistrale;
  • non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali pendenti.


I PAESI DI DESTINAZIONE

La domanda di partecipazione deve essere presentata per uno tra i seguenti Paesi (non indicare più di una scelta, pena l’esclusione):

  • Austria
  • Belgio
  • Francia
  • Irlanda
  • Germania
  • Regno Unito
  • Spagna.
PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio delle ore 23,59 del 10 febbraio 2018, esclusivamente tramite l’applicazione disponibile alla voce “Vai all’Applicazione”. Per presentare la domanda puoi anche fare click su questo link: PRESENTA LA DOMANDA

Registrazione

Il candidato dovrà registrarsi accedendo all’applicazione predisposta sul sito del MIUR alla pagina dedicata all’iniziativa: http://www.miur.gov.it/web/guest/assistenti-italiani-all-estero. Per procedere con la registrazione bisogna indicare i seguenti dati:

  • codice fiscale;
  • dati anagrafici;
  • indirizzo e-mail.

La procedura si completa con la ricezione di una e-mail di conferma seguita da una seconda e-mail con le credenziali (nome utente e password) per accedere al servizio e inserire la domanda.

Inserimento della domanda

L’applicazione richiederà l’inserimento dei dati del candidato (requisiti, titoli, preferenze e competenze) per concludersi con l’inoltro della domanda.

Graduatoria

Per ciascun Paese verrà formulata una graduatoria provvisoria, determinata dal punteggio totale arrotondato al 2° decimale.

INFORMAZIONI

Per chiarimenti e informazioni è possibile rivolgersi ai seguenti contatti:

Bando assistenti italiani Estero 2018-2019
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU