Bibi Ballandi è morto | Scompare a 71 anni un uomo nato per lo spettacolo

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Bibi Ballandi è morto

Aveva 71 anni (26 giugno 1946) il produttore televisivo molto noto nel mondo dello spettacolo per i tanti anni di successo nel mondo della televisione. Bibi Ballandi è morto dopo aver lasciato un segno indelebile nei cuori di tanti personaggi come Rosario Fiorello, Milly Carlucci e Antonella Clerici.

Si è spento a Bologna

Ballandi si è spento a Bologna, la sua città, dopo aver sofferto parecchio a causa di una malattia che oggi lo ha strappato ai suoi cari. Fondò, insieme ad altri, la storica discoteca “Bandiera gialla” di Rimini prima di diventare un produttore televisivo con la sua società Ballandi Multimedia. Iniziò una collaborazione con la Rai e con altri editori televisivi italiani ottenendo diversi successi dagli anni ’80 per più di vent’anni.

Quanti successi

Portano il suo segno i programma “Ballando con le Stelle”, “Ti lascio una canzone” e tanti altri condotti da artisti numeri 1 del panorama televisivo e dello spettacolo italiano. Ci riferiamo ai vari Rosario Fiorello, Adriano Celentano, Gianni Morandi, Massimo Ranieri e Giorgio Panariello.



Scossa Milly Carlucci, il post su Twitter

Lo ha appreso in diretta mentre era ospite a “Uno Mattina“, dopo aver parlato dei primi nomi del cast di Ballando con le Stelle 2018. La Carlucci si è improvvisamente ammutolita e profondamente commossa per la tristissima notizia…

bibi ballandi e morto
Il Tweet di Milly Carlucci
Il ricordo di Rosario Fiorello
bibi ballandi e morto
Il Tweet di Fiorello

«Questa sera Il Rosario della sera su Radio Deejay non andrà in onda, e neanche domani. Bibi Ballandi è volato in cielo. Profondo dolore». E’ il tweet di Rosario Fiorello che ha deciso di fermarsi per rispetto al produttore che lo lanciò in Rai con i suoi show in prima serata che ebbero grande successo.

Bibi Ballandi è morto: il tweet di Antonella Clerici
bibi ballandi e morto
Il Tweet della Clerici

Scrive Antonella Clerici su Twitter: «Ciao Bibi. Non dimenticherò il tuo buonumore, la tua emilianità, i tuoi saggi proverbi e parole e i nostri successi con i bambini di ‘Ti lascio una canzonè, tanti anni insieme. So che mi guarderai da lassù mangiando un piatto di tortellini della Lella».

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU