Boom di STARTUP da GIARDINIERE | Un lavoro che è una professione

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Boom di STARTUP da GIARDINIERE

E’ boom di startup da giardiniere in Italia con le attività di cura e manutenzione del paesaggio. Altro che idee “spaziali” e innovative.

Tutti pazzi per.. il mestiere del giardiniere

Chi l’avrebbe mai detto, il cantante Niccolò Fabi diceva “Tu sei il giardino e io sono il giardiniere…” nel suo brano “Il giardiniere” del lontano 1997. Ovviamente la sua era una metafora (che si riferiva ad altro, l’amore.. ma anche la cura del verde è amore) della quale ci siamo ricordati quando abbiamo pensato a quella che è diventata un’ambita professione (il giardiniere).

E le attività di cura e manutenzione del paesaggio si classificano tra le opportunità occupazionali più promettenti con un aumento record del 51% delle iscrizioni alle Camere di Commercio nel corso degli ultimi sei anni. Lo sottolinea l’analisi della Coldiretti in riferimento all’approvazione definitiva all’interno del collegato agricolo della norma che riconosce per la prima volta in Italia la professione del costruttore e del manutentore del verde.

Secondo la Coldiretti si tratta di …

una svolta storica per sconfiggere il lavoro nero e la concorrenza sleale in un settore dove la crescita della domanda ha favorito spesso le improvvisazioni con danni irreparabili alle piante e ai giardini. Ora per fare il giardiniere sarà necessaria una preparazione riconosciuta legalmente secondo le indicazioni che saranno fissate a livello regionale.

Non si tratta solo di un atto legislativo profondamente necessario per la trasparenza ma anche un mezzo a disposizione del comune cittadino per capire chi si trova davanti, se sta affidando il suo spazio verde a una persona preparata o se sta rischiando con qualcuno che non possiede una competenza adeguata.

Un riferimento per il numero crescente di italiani attenti alla cura del verde ma anche per le pubbliche amministrazioni che in molti casi hanno ridotto la manutenzione con l’aumento del degrado e pericoli per gli abitanti“.



Defiscalizzazione del verde privato

Tre sono le proposte di legge in materia di defiscalizzazione del verde privato presentate tra Camera e Senato con l’obiettivo di promuovere un sistema di incentivazione, sotto forma di detrazioni fiscali, per la realizzazione di interventi di manutenzione sulle sistemazioni a verde di pertinenza di unità immobiliari private.



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU