Bulli esclusi dagli scrutini | “Minacce, offese e violenze ai docenti inaccettabili”

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Bulli esclusi dagli scrutini

Sui gravi fatti di bullismo verificatisi nelle ultime ore che stanno facendo il giro del web e delle televisioni, è intervenuta Valeria Fedeli, ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. ” Bulli esclusi dagli scrutini ” ha detto tra le altre cose il ministro, intervenuto a TgCom24 per parlare dei video che tutti stiamo guardando in queste ore.

Minacce, offese e violenze ai docenti sono inaccettabili

Lo ha detto Valeria Fedeli a TgCom24 che ha aggiunto: “Serve una linea rigorosa responsabile di attuazione delle sanzioni che sono già previste dal regolamento. Chi compie gesti come quelli che si sono verificati a Chieti, Lucca e Velletri va sospeso. Nei casi più gravi deve essere sanzionato fino a non essere ammesso agli scrutini finali. Il tema è che le regole ci sono e vanno applicate”.

Il piano per educare al rispetto

La Fedeli ha ricordato di essersi impegnata dal 2017 su due temi, uno di questi è quello della prevenzione. “Da ottobre 2017 ho inviato in tutte le scuole il piano nazionale per educare al rispetto. Ho operato affinché si rilanciasse con l’insieme delle associazioni delle famiglie il patto di corresponsabilità educativa tra scuole e famiglia“.



I genitori devono comprendere

Il ministro ha sottolineato l’importanza del ruolo dei genitori che “devono comprendere e sostenere la decisione della scuola“. Per il ministro, quando si delegittima la funzione dei docenti (e quindi quella dell’istituzione scolastica), si sta delegittimando anche la funzione dell’adulto (il genitore). Valeria Fedeli ha precisato: ”Questi ragazzi poi vanno seguiti, accompagnati e rieducati ma le sanzioni vanno assolutamente prese in considerazione.

Bulli esclusi dagli scrutini: il compito dei docenti

Il professore di Lucca, dopo l’episodio, avrebbe dovuto chiedere immediatamente alla preside di convocare il Consiglio dei docenti, sospendere e sanzionare lo studente. Con queste parole la Fedeli ha sottolineato ciò che avrebbe dovuto fare il docente. “Non bisogna sottovalutare nessun episodio di questo tipo e si devono sospendere e sanzionare anche gli studenti che hanno girato il video senza fare nulla“.

TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU