Caldo bicèrin torinese | Bicchierino di pura bontà tradizionale piemontese

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Caldo bicèrin torinese

Durante il lungo e rigido inverno non c’è niente di meglio che gustare una calda bevanda corroborante che dia conforto a corpo e anima. Ecco allora una golosità tutta made in Torino tutta da conoscere e assaporare: sua maestà il caldo bicèrin torinese!

La bevanda tradizionale

Torino è per eccellenza patria incontrastata del miglior cioccolato italiano ma, forse non tutti sanno che la bevanda calda simbolo di questa città è il bicèrin (letteralmente bicchierino), una irresistibile miscela di caffè, cioccolato e crema di latte. Il bicèrin ha una storia antica e gloriosa ed è stato insignito ormai del titolo di “bevanda tradizionale piemontese”: una bontà che ha fatto capitolare personaggi del calibro di Camillo Benso Conte di Cavour, Friedrich Nietzsche, Alexandre Dumas padre, Silvio Pellico, Giacomo Puccini e tanti altri. La sua ricetta originale viene custodita e tramandata di generazione in generazione e risalirebbe addirittura alla seconda metà del ‘700, noi de La Gazzetta Digitale oggi ve ne sveliamo i trucchi e i segreti.

RICETTA del bicèrin



Ingredienti
  • Una tavoletta di cioccolato fondente
  • Latte intero
  • Caffè espresso q.b.
  • 50 ml di panna fresca
  • 1 cucchiaino di zucchero vanigliato
Preparazione

Fondere a bagnomaria il cioccolato con 70 ml di latte. Montare leggermente la panna con un cucchiaio di latte e lo zucchero vanigliato. Stratificare la bevanda in un bicchierino di vetro versando delicatamente sopra la panna il cioccolato fuso ancora ben caldo, il caffè espresso, quindi completare con un cucchiaino di panna semimontata, avendo cura che si mantengano ben distinti e separati i tre strati che compongono il bicèrin.

Ecco pronto il nostro bicèrin da gustare prima di tutto con gli occhi e poi col palato, assaporandone i colori e le diverse consistenze, con tutto il piacere di immergervi il cucchiaino e vederne i vari strati fondersi tra loro in una esplosione di gusto e golosità.

Leggi anche:


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU