Contributo per assistenza disabili in famiglia | Home Care Premium di INPS

Tempo di lettura stimato: 6 minuto/i


Contributo per assistenza disabili in famiglia

Si tratta del programma “Home Care Premium” (HCP) 2017 dell’Inps per il quale sono state stanziate risorse pari a 220 milioni di euro per il 2017, con l’obiettivo di arrivare a quasi 300 milioni per il 2018. E’ un contributo per assistenza disabili in famiglia per il quale, al 29 marzo, sono state presentate 41.250 domande.

Il programma garantisce due tipi di prestazioni:

  • Prevalenti, con il rimborso delle spese sostenute per l’assunzione di un’assistente familiare;
  • integrative, con servizi socio assistenziali alla persona rese dagli ambiti territoriali o dagli ambiti convenzionati.

INDICE

Il bando Inps

Il bando del programma per il contributo per assistenza disabili in famiglia è rivolto a 30 mila persone è già stato messo online da Inps. C’è tempo fino al 30 marzo 2017 per presentare la domanda prima che venga pubblicata la graduatoria il 20 aprile 2017. Tale graduatoria verrà stilata in base a valori ISEE socio sanitario crescenti, con priorità ai casi più gravi. L’ordine sarà il seguente: per valori ISEE, prima i disabili gravissimi, poi i disabili gravi e infine i disabili medi. (SCARICA LA GRADUATORIA 2017)

Nuove domande potranno poi essere presentate dal 27 aprile 2017. Potranno farlo sia coloro che non hanno già presentato domanda entro il 30 marzo 2017 sia (solo in caso di aggravamento) gli idonei che hanno già presentato domanda entro i predetti termini.  La graduatoria di assegnazione del contributo per assistenza disabili in famiglia verrà aggiornata il primo giorno lavorativo di ogni mese e sarà pubblicata sul sito dell’Istituto.

CLASSIFICAZIONE delle disabilità

contributo per assistenza disabili in famiglia
Tabella di classificazione delle disabilità

Torna SU all’Indice



A quanto ammonta il contributo

In base alla fascia ISEE socio sanitario di appartenenza del beneficiario e al grado di invalidità, questi sono gli importi del contributo per assistenza disabili in famiglia che possono arrivare fino a un massimo di 1.050 euro:

  • 0 – 8.000
    • Disabilità gravissima: 1.050-
    • grave: 700
    • Disabilità media: 500
  • 8.000 – 16.000
    • Disabilità gravissima: 950
    • grave: 600
    • Disabilità media: 400
  • 16.000,01 – 24.000
    • Disabilità gravissima: 850-
    • grave: 500
    • Disabilità media: 300
  • 24.000,01 – 32.000
    • Disabilità gravissima: 750
    • grave: 300
    • Disabilità media: 100
  • 32.000,01 – 40.000
    • Disabilità gravissima: 650
    • grave: 100
    • Disabilità media: 0
  • 40.000,01 e oltre
    • Disabilità gravissima: 550
    • grave: 50
    • Disabilità media: 0

Torna SU all’Indice

A chi spetta

Al beneficio si accede per bando di concorso che viene pubblicato sul sito INPS. Possono fruirne:

  • i dipendenti e i pensionati iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo credito), anche per effetto del DM 45/07;
  • se i soggetti suddetti sono viventi: anche i loro coniugi conviventi e i familiari di primo grado;
  • gli orfani minorenni di dipendenti o pensionati pubblici, (sono equiparati ai figli, i giovani minori regolarmente affidati e i nipoti minori con comprovata vivenza a carico di ascendente diretto);
  • le persone non autosufficienti che risiedono nel territorio di un Ambito Gestore Convenzionato.

In ogni caso, i beneficiari devono risiedere nel territorio di uno dei soggetti che hanno stipulato una convenzione con Inps: Ambiti Territoriali Sociali e analoghi raggruppamenti di Comuni comunque denominati; Aziende Sanitarie, Regioni.

La domanda

Per accedere alla prestazione bisogna attendere la pubblicazione del bando annuale e presentare la domanda, esclusivamente in via telematica. Sul sito INPS bisogna andare nella sezione “Servizi ex Inpdap” (Vai alla Domanda Assistenza Domiciliare (Progetto Home Care Premium), raggiungibile seguendo il seguente percorso: servizi online – Accedi ai servizi – Servizi per il cittadino – “Servizi Gestione dipendenti pubblici (exInpdap) per Lavoratori e Pensionati”.

Bisognerà dunque fare l’accesso al sito Inps tramite codice PIN (rilasciato precedentemente dall’INPS su richiesta) oppure tramite l’identità SPID o la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

Non sai come accedere al sito INPS?

È utile sapere che
  • Il richiedente, all’atto della presentazione della domanda, deve aver presentato una Dichiarazione Unica Sostitutiva finalizzata all’acquisizione della certificazione ISEE riferita al nucleo familiare in cui è presente il beneficiario;
  • successivamente alla domanda si apre la fase di valutazione amministrativa, a cura della Direzione Regionale Inps competente per territorio; subito dopo il soggetto convenzionato (Ambito Territoriale Sociale, ecc.) prende in carico la richiesta e ne dà comunicazione all’interessato;
  • non sempre il richiedente è anche il beneficiario: il dipendente pubblico o il pensionato può fare richiesta per sé ma anche per il coniuge convivente, per un familiare di primo grado, genitore o figlio minorenne e maggiorenne; il coniuge convivente o il familiare di primo grado può fare richiesta per sé e per il dipendente o il pensionato; il tutore o l’amministratore di sostegno può fare richiesta per il beneficiario;
  • tutte le persone che possono fare domanda telematica ma non sono dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione Dipendenti Pubblici, devono prima compilare e consegnare alla competente sede Inps il modulo di iscrizione in banca dati  con le modalità indicate nel bando.

Torna SU all’Indice

Termini di presentazione della domanda

La domanda deve essere trasmessa esclusivamente per via telematica a decorrere dalle ore 12 del 1° marzo 2017 e non oltre le ore 12 del giorno 30 marzo 2017. Tuttavia per venire incontro a specifiche richieste, il termine di scadenza è stato prorogato fino al 6 aprile 2017, limitatamente ai richiedenti residenti nei comuni colpiti dal sisma.

Quando verranno erogate le prestazioni

Le erogazioni delle prestazioni, prevalenti e integrativa, saranno mensili e partiranno dal 1° luglio 2017.

Fonte delle informazioni: INPS

Info e materiale da scaricare
@ Riproduzione riservata


Mauro Guitto

Mauro Guitto

Giornalista iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU