Fabio Fognini espulso dagli Us Open | Insulti alla giudice di sedia, espulsione e multa

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Espulsione di Fognini agli Us Open

Era ancora nel torneo di doppio insieme a Simone Bolelli ma l’espulsione di Fognini agli Us Open è arrivata per quello che è accaduto nel match contro il connazionale Travaglia.

Il fatto

Mercoledì 30 agosto si giocava un derby tutto italiano valido per il primo turno degli Us Open tra Stefano Travaglia e Fabio Fognini. Il match lo ha vinto il numero 144 del Ranking Atp, Travaglia 3-1 (6-4 / 7-6 / 3-6 / 6-0) sul più titolato collega, numero 26 del Ranking mondiale e testa di serie numero 22 del torneo. Ma a far maggiormente discutere è ciò che è accaduto durante il match che è costato a Fognini una multa di 24 mila dollari per condotta antisportiva e l’espulsione dal torneo. Il tennista 30enne aveva insultato Louise Engzell, la giudice di sedia, con parole pesanti e sessiste in più occasioni che gli sono costate tre sanzioni di: 15 mila, 5 mila e 4 mila dollari (tot: 24 mila).

Ci rimette anche Bolelli

In questa vicenda ci rimette le penne incolpevolmente anche Simone Bolelli che era il compagno di doppio di Fognini con il quale si erano qualificati per il terzo turno. Agli ottavi avrebbero dovuto affrontare lunedì 4 settembre la coppia Nicholas Monroe e John-Patrick Smith (Usa-Aus). Questi ultimi hanno eliminato la coppia formata dal brasiliano Rogerio Dutra Silva e un altro italiano, Paolo Lorenzi.



Espulsione di Fognini agli Us Open: ora rischia grosso

Fognini non è nuovo a queste intemperanze perché nel 2014 a Wimbledon per motivi simili dovette pagare una multa di 27.500 dollari. L’episodio accadde sempre in un match del primo turno, in quella occasione vittorioso. Gli ufficiali dei 4 tornei del Grande Slam stanno investigando per verificare che Fognini non abbia commesso altre violazioni pesanti. Il tennista rischia una ulteriore e ben più pesante multa oltre all’interdizione permanente da tutti i tornei. Ha scritto con un eloquente “Era ora!” anche il New York Times dell’episodio dicendosi soddisfatto delle decisioni del giudice.

Le tardive scuse

Fognini alcune ore dopo si è scusato con un post su Twitter con queste parole dai toni forse troppo leggeri: “Vorrei innanzitutto chiedere scusa a voi tifosi, all’arbitro per quanto accaduto oggi. E’ semplicemente stata una giornata molto negativa ma ciò non perdona il comportamento avuto nel match!!! Nonostante io sia una testa calda (e seppur secondo me avendo avuto ragione nel più delle circostanze) HO SBAGLIATO. Che poi alla fine dei conti è solo una partita di tennis”.

Il Tweet

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU