Green pass revocato da Johnson | Gran Bretagna, stop pure a mascherine e smart working

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i

Articolo aggiornato mercoledì, 19 Gennaio 2022 18:00

GREEN PASS REVOCATO DA JOHNSON

Mentre in Italia aumentano le restrizioni che stanno affossando definitivamente l’economia e la società italiana, dalla Gran Bretagna arriva la notizia del Green Pass revocato da Johnson.

L’ANNUNCIO DEL PRIMO MINISTRO

Bori Johnson ha dato l’annuncio che tutti vorrebbero sentire anche da noi: “Stop alle restrizioni extra anti Covid in Inghilterra“. Il Primo ministro del Regno Unito lo ha detto alla Camera dei Comuni, dopo il Question Time.

Entro la settimana prossima saranno revocati la raccomandazione dello smart working e il mini Green Pass vaccinale britannico“. Erano una parte delle misure del “piano B” adottate contro la diffusione della variante Omicron che scadranno proprio la prossima settimana (27 gennaio 2022). Nella stessa data decadrà anche l’obbligo di indossare la mascherina nei negozi e sui mezzi pubblici.

MASCHERINE

Da domani non saranno più necessarie le mascherine nelle aule e a breve verrà rimossa anche la guida per indossarle nelle aree comuni.‎ Il Governo “continuerà a suggerire l’uso di maschere in spazi chiusi o affollati, in particolare quando si entra in contatto con persone che normalmente non si incontrano“.‎ Il primo ministro ha sottolineato il fatto che i ministri “si fidano del giudizio del popolo britannico e non criminalizzano più chiunque scelga di non indossarne una“.‎

OMS: “IL REGNO UNITO PUÒ INIZIARE A VEDERE LA LUCE

Il Governo ha fatto le cose giuste sul Covid, lo dimostra il fatto che questa settimana l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto che mentre la situazione globale rimane difficile, il Regno Unito può iniziare a vedere la luce alla fine del tunnel. Questo non è un caso” – ha sottolineato Johnson.‎

L’AUTOISOLAMENTO

Lunedì abbiamo ridotto il periodo di isolamento a cinque giorni interi con due test negativi. E presto arriverà il momento in cui potremo rimuovere del tutto l’obbligo legale di auto isolarsi per le persone con Covid-19, proprio come avviene a chi ha l’influenza” – ha detto Boris Johnson respingendo le preoccupazioni di alcuni consulenti sanitari.

Man mano che il Covid diventa endemico, dovremo sostituire i requisiti legali con consigli e linee guida, esortando le persone con il virus a essere attente e rispettose degli altri” ha proseguito Johnson.‎

‎”I regolamenti sull’autoisolamento scadono il 24 marzo, a quel punto mi aspetto vivamente di non rinnovarli e magari di anticipare quella data” ha concluso il primo ministro.‎

IL CALO DEI CONTAGI

Le decisioni di Johnson si spiegano nei dati gold standard che mostrano il calo dei contagi ottenuto grazie al record di terze dosi booster dei vaccini. Sembra una mossa anche politica data dalla minaccia del voto di sfiducia interno al partito sulla sua leadership in seguito allo scandalo Partygate.

LA PANDEMIA NON È FINITA

‎Johnson ha avvertito che la pandemia non è finita precisando che ci sono ancora oltre 16 mila persone in ospedale solo in Inghilterra.‎ “‎L’omicron non è una malattia lieve per tutti, compresi i non vaccinati, e le persone devono ancora prendere precauzioni“, ha detto.‎

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*