Green Pass salva Natale | Le regole sui tamponi cambiano o no? Intanto Burioni “Sono fastidiosi e pericolosi”

CONDIVIDI

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i

Articolo aggiornato lunedì, 15 Novembre 2021 20:52

GREEN PASS SALVA NATALE

In queste ore si sta parlando molto del Green Pass salva Natale con delle variazioni sulla durata dei tamponi che dovrebbero rappresentare la panacea a tutti i mal(ann)i invernali. Sarà così?

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

IL SOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE COSTA SMENTISCE TUTTI

Andrea Costa, sottosegretario alla Salute, ha parlato chiaro su La7 nella trasmissione “Tagadà”. “Per ora i criteri e le regole sul Green Pass obbligatorio in Italia non cambiano“. E sui tamponi ha detto “Non c’è nessuna stretta sui tamponi“, mettendo fine alle fantasie di una parte sadica di stampa (e non solo) che vorrebbe ridurre da 48 ore a 24 la validità degli antigenici rapidi e da 72 ore a 48 ore i molecolari.

LA QUESTIONE TAMPONI

Costa ha precisato: “Al momento la questione di una stretta sulla validità dei tamponi rapidi o molecolari per il rilascio del Green Pass non è sul tavolo, così come non è sul tavolo il tema di togliere il tampone dai requisiti per ottenere il Green pass. I criteri per ottenerlo sono tre e tre restano“. E lo crediamo bene, perché (questo lo aggiungiamo noi) a questo punto dovrebbero spiegarci come mai fino ad ora i tamponi sono stati utilizzati per le attività screening dei positivi, ritenendoli comunque validi. E ora, di punto in bianco, dovrebbero risultare non validi.

IL BURIONI PENSIERO SUI TAMPONI

A tal proposito, ieri il virologo e immunologo Roberto Burioni a “Che tempo che fa” di Fabio Fazio (minuto 55), tra le altre cose ha parlato del “tallone d’Achille” (così lo ha definito) del tampone. Burioni ha detto: “Il tampone è un po’ una istantanea, ci dice che in quel momento quella persona non è infettiva ma ha senso estenderla per tre giorni? NO, soprattutto quando il virus circola molto“.

Ha aggiunto Burioni: “È come fare il test per l’alcool il venerdì a mezzogiorno e dire a una persona che è a posto per tutta la settimana.” E allora cosa dovremmo dire di chi è vaccinato e magari senza un tampone da giorni o settimane?!?! Lo chiediamo noi a Burioni.

Infine la demonizzazione dei tamponi: “Sono fastidiosi e pericolosi” ha detto Burioni, perché presenterebbero una serie di rischi di reazioni avverse di cui non si hanno prove ed evidenze pratiche da nessuna parte.

LA VALIDITÀ DEL GREEN PASS: POSSIBILI MODIFICHE FUTURE

Costa si è espresso anche sull’opportunità di ridurre i mesi di validità del Green pass spiegando che si sta riflettendo sulla questione. Il sottosegretario alla salute ha precisato: “Alla luce di quelle che sono le ultime indicazioni di carattere scientifico, che sostanzialmente mettono in evidenza una graduale diminuzione della protezione per chi si vaccina contro il Covid-19, seguendo un ragionamento di buon senso, prevedo che ci possano essere delle modifiche da qui alle prossime settimane“.

E SULLA VACCINAZIONE..

Il sottosegretario ha detto: “Io credo che stante i dati e stante le evidenze scientifiche alle quali dobbiamo affidarci, è ragionevole pensare che ci possa essere un’estensione graduale della platea di chi dovrà ricevere la terza dose“. Costa ha poi affermato: “Attendiamo ovviamente con estrema fiducia quelle che saranno le indicazioni del Comitato tecnico-scientifico, dopodiché il compito del Governo sarà quello di farsi trovare pronto nel somministrare i vaccini, che ci sono e sono a disposizione, e con le strutture nelle varie regioni in grado di fornire questo servizio ai cittadini“.

TI POTREBBERO INTERESSARE
Print Friendly, PDF & Email

OFFERTE DEL GIORNO AMAZON

@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 42
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*