Le squisite confetture autunnali | Dolcezze di stagione con frutta e.. ROSE

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Le squisite confetture autunnali

Chi ha mangiato la marmellata, chi sarà?“. Recitava così, parecchi lustri or sono, un noto jingle pubblicitario cantato dal compianto Lino Toffolo. Lui ci ha ispirato per parlare de le squisite confetture autunnali. Ve ne proponiamo alcune molto particolari…

Una coccola… all’anima

La stagione è quella giusta per le marmellate, le squisite confetture autunnali perché ci piacciono i comfort food, quei cibi che non servono solo a nutrire ma anche a farci star bene, coccolare e blandire l’anima. Siccome ci piace osare, le marmellate che proponiamo sono molto particolari, fatte con gli ingredienti che non ti aspetti, per dare più fantasia alla nostra fetta biscottata mattutina, ma anche per beneficiare di tante preziose sostanze nutritive che rafforzeranno le nostre difese immunitarie proprio in vista dell’inverno alle porte. Tutti conoscono e hanno assaggiato una confettura di albicocche, di pesca o di fragole… ma tra le squisite confetture autunnali quanti di voi ne hanno mai mangiata una di rose per esempio? Ecco alcune ricette.

Marmellata di ROSE

Ingredienti

  • 250 grammi di petali di rosa
  • 375 grammi di zucchero
  • 1/2 limone
  • 250 millilitri di acqua


Preparazione

Per realizzare questa marmellata così particolare serviranno petali molto “carnosi” e dal colore rosso vivo e molto profumati. Lavare i petali e rimuovere la parte bianca che li tiene uniti allo stelo. Con una mezza luna, tritare i petali e porli in una ciotola con metà dello zucchero. Coprire e lasciar riposare per due giorni ponendo la ciotola in un luogo asciutto e pulito. Trascorso questo tempo, sciogliere lo zucchero residuo nei 250 ml di acqua, aggiungere il succo di limone e infine lo zucchero con i petali. Porre tutto in una pentola e portare il composto a ebollizione cucendo il tutto a fiamma bassa per circa 20 minuti.

Marmellata di banane

Strana è strana, ma quanto è buona questa marmellata di banane? Ideale quando al mattino ci si sveglia con una incontenibile voglia di dolce. Per realizzare la marmellata di banane c’è bisogno solamente di qualche banana, zucchero, limone e vaniglia. Con le dosi seguenti si realizzano 2 vasetti di marmellata da 300 gr. cadauno.

Ingredienti

  • 700 g di banane mature pulite
  • succo di un limone
  • 70 ml di acqua
  • 1/2 baccello di vaniglia

Preparazione

Sbucciare le banane e tagliarle a pezzetti, versarli in una casseruola e bagnare col succo di limone per evitare che si ossidino. Aggiungere lo zucchero, l’acqua, il 1/2 baccello di vaniglia (tagliato per il lungo e raschiato internamente) e cuocere a fuoco dolce fino a quando tutto lo zucchero si sarà completamente sciolto. Quando inizia a bollire continuare la cottura per 30 minuti circa, eliminando la schiuma bianca che si formerà in superficie. La marmellata sarà pronta quando, mettendone un paio di gocce su un piattino, piegandolo la marmellata scivolerà lentamente. Eliminare a questo punto il baccello di vaniglia e versare subito la marmellata in vasetti di vetro sterilizzati (a microonde o in pentola). Chiudere i vasetti con tappi nuovi sterilizzati in acqua bollente per 30 minuti e capovolgerli a testa in giù.

Marmellata di albicocche e uvetta

Anche questa insolita marmellata è golosa e appagante, una prima colazione con un paio di cucchiaini di questa confettura vi farà felici. Vediamo come realizzarla in casa in poche ,semplici mosse.

Ingredienti

  • 500 g di albicocche mature (al netto)
  • 400 g zucchero
  • 100 g acqua
  • succo di 1/2 limone piccolo
  • una stecca di vaniglia
  • 40 g di uvetta

Preparazione

Lavare bene le albicocche, sbucciarle, tagliarle a metà e privarle del nocciolo. Mescolare le albicocche con lo zucchero, l’acqua, il succo di limone, la bacca di vaniglia incisa per la lunghezza. Lasciar macerare il tutto per un’ora coprendo la ciotola con un foglio di carta forno. Trascorso questo tempo versare le albicocche in una casseruola e portare quasi ad ebollizione. Quando il composto di frutta e zucchero inizia a fremere ma non bollire spegnere il fuoco. Versare il tutto in una ciotola, coprire di nuovo con la carta da forno e lasciar riposare per una notte intera in frigorifero.

Il giorno dopo versare le albicocche in un colino abbastanza grande in modo da raccogliere il solo sciroppo e tenere da parte le albicocche. Versare lo sciroppo ottenuto in una pentola e portarlo a ebollizione fino ad arrivare a 100 gradi circa. Unire le albicocche tenute da parte e l’uvetta. Riportare a bollore e lasciar cuocere il tutto a fuoco allegro per circa 5-8 minuti, mescolando delicatamente e schiumando di tanto in tanto. Eliminare la bacca di vaniglia e verificare la consistenza della marmellata con la prova piattino (di cui abbiamo parlato precedentemente).

Provate tutte le nostre stravaganti marmellate e lasciateci le vostre opinioni!

LEGGI altre RICETTE



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU