“Natale d’O Sittantatre”: dedicata a chi vive in solitudine

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Natale d’O Sittantatre“: dedicata a chi vive in solitudine

Al prossimo Natale manca poco più di un mese e dedico questa poesia dall’aria Dickensiana a tutti gli amici in particolar modo a tutti coloro che vivono in solitudine.

Natale d’O Sittantatre

A nu nuovo Natale, s’appresenta
uno cchiù vviecchio ‘ncopp’’a carruzzella;
lle cerca nu favore sulamente, vulesse accuntentà ‘na vicchiarella.
Lle dice: “’O vide chillu vascetiello?
Chillu cchiù scuro e ssenza cumpagnìa;
‘ntramente vaje pe’ vviche e vvicarielle,
famme ‘o favore, fa’ ca nce tras’ io.”
‘A vicchiarella ‘ncopp’ a ‘na pultrona,
e ‘na lucella appena a ffa’ chiarore;
quanno ‘mpruvvisamente, bbell’ e bbuono,
‘o vascetiello è ttutto nu splennòre.
A ccap’’e tavula nce sta Pascale
ca chiacchiaréa cu’’e figlie allèro allèro;
‘a vecchia dice:” Che bbellu Natale!”
Guardanne ‘a scena, nun lle pare ovèro.
E ddint’ a ll’uocchie ‘a luce ‘e nu surriso;
‘o còre ‘mpietto sbatte comm’ a cché;
a bbella vista, ‘nfaccia ‘o muro, appiso,
nu calannario d’’o sittantatre.
‘A scena dura ‘o tiempo ‘e ‘na fiammella,
ma doppo quacche gghiuorno, bbell’e bbuono;
quaccuno trase e trova ‘a vicchiarella,
felice e fredda ‘ncopp’ a ‘na pultrona.

 

Torna alla Homepage de La Gazzetta Digitale

FOOD

SEGUICI SU TWITTER

@ Riproduzione riservata


Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Commenta l'articolo

Commenta per primo

Notifica
wpDiscuz
Torna SU