Nati con la cazzimma | Il racconto del concepimento in una poesia

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Articolo aggiornato giovedì, 5 Gennaio 2017 16:32

Nati con la cazzimma

Nati con la cazzimma. In questa poesia in vernacolo napoletano, “a cazzimma” è rappresentata dalla corsa sfrenata e senza esclusione di colpi degli spermatozoi per raggiungere l’ovulo prima di tutti gli altri. Uno solo arriverà all’obiettivo fra milioni di concorrenti e sarà quello che darà origine alla vita.

Cazzimma

Nu criminale oppure nu scienziato,
nu grande prufessore o nu pueta,
e ppenzà’ ca nu Papa o Cap’’e Stato
so’ ccapucchielle cu’’e ccurelle arreto.

So’ ttutte chille ca se songo ‘mposte
mmiezz’ a mmeliune p’arrivà’ pe’ pprimma
ausanno preputenza e ffaccia tosta…
Pure pe’ nascere nce vò’ cazzimma!

Cos’è “a Cazzimma” ?

Breve approfondimento a cura di Mauro Guitto.

Chi non è napoletano e non ha mai avuto modo di sentire questo termine, si chiederà cosa significhi “cazzimma”, che non è una parolaccia come qualcuno potrebbe, a primo impatto, pensare. Ne parlano anche l’Accademia della Crusca e Treccani. “A cazzimma” è un atteggiamento o comportamento furbo, opportunistico e cinico teso a ottenere il proprio esclusivo tornaconto senza preoccuparsi del fatto di poter in tal modo nuocere ad altri. E alzi la mano chi ogni giorno non si trova dinanzi a persone che agiscono in tal guisa e, diciamolo, non destano in noi nemmeno tanta simpatia, anzi…

LEGGI altre poesie e articoli di CULTURA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU