Ccafè | A Napoli un rito, le sensazioni in questi versi ‘O piacere d’’o ccafè’

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Ccafè

‘O ccafè a Napoli è un rito e ha anche una certa importanza quando si beve in compagnia. Sorseggiare un caffè è un freno alle pazze corse e un momento di riflessione e riconciliazione con gli altri e con sé stessi.

‘O piacere d’’o ccafè’

ASCOLTA LA POESIA

‘O ccafè si è ddoce o amaro,
va bbevuto lentamente;
nu piacere accussì ccaro,
pe’ fermarse nu mumento…

Pe’ ttirà nu poco ‘o freno,
pe’ ffermà ‘sti ccorze pazze;
songo tre minute appena,
so’ tre surze ‘int’ a ‘na tazza…

So’ tre surze, tre suspire,
tre carezze vellutate;
è ‘na pausa a ttutt’’o nniro
ca nce assilla e lleva ‘o sciato.

Si se beve ‘ncumpagnìa,
addeventa nu ‘ntrattiene;
nu piacere, n’ armunìa
ca addurgisce tutt’’e ppene.

Si sto ssulo, embè, pacienza,
io m’’o bbevo e ddico:”Embè…
Me purifica ‘a cuscienza,
‘o piacere d’’o cccafè.

LEGGI altre poesie e articoli di CULTURA



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Antonio Ruggiero

Antonio Ruggiero

Scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU