Osservatorio del Lazio sulla ludopatia | OK del Consiglio laziale

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 1 minuto/i


Osservatorio del Lazio sulla ludopatia | OK del Consiglio laziale

Osservatorio del Lazio sulla ludopatia: c’è l’ok del Consiglio della Regione Lazio per attivarsi in merito alla prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo patologico.

Il gioco d’azzardo: la regione Lazio lo combatte con la prevenzione

Il gioco d’azzardo patologico è una delle questioni sociali che meritano la massima attenzione in questo particolare momento storico. Il Consiglio regionale del Lazio ha dato il via libera alla formazione dell’Osservatorio, per portare avanti azioni di prevenzione e contrasto sul territorio.

Saranno quindici esperti del settore e rappresentanti delle istituzioni, oltre a un presidente di comprovata specializzazione professionale, culturale e scientifica in materia di ludopatia. Così sarà composto il nuovo Osservatorio regionale sul gioco d’azzardo patologico (Gap), su cui si è espresso in modo favorevole  il Consiglio regionale del Lazio.

Fornire strumenti di analisi, conoscenza e verifica per supportare le politiche di programmazione regionale. Sarà una vera e propria “cabina di regia” per i diversi progetti attivati sul territorio.

Elaborare ricerche, proposte e programmi di prevenzione e contrasto al gioco d’azzardo patologico. Tutte le azioni svolte saranno poi inserite nella relazione annuale e con un regolamento interno sarà definito sia il funzionamento che la convocazione. Inoltre, il presidente avrà facoltà di far partecipare alle riunioni periodiche dell’osservatorio altri esperti, per poter contare avere così ulteriori contributi utili a combattere ancora più efficacemente il fenomeno.

LEGGI altre notizie da ROMA


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU