Rientro da Paesi rischiosi, cosa devo fare? | Se sei stato in vacanza in un Paese a rischio, leggi le linee guida e i numeri utili

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Articolo aggiornato venerdì, 14 Agosto 2020 15:38

Rientro da Paesi rischiosi, cosa devo fare?

L’ordinanza firmata dal ministro Roberto Speranza stabilisce che chi torna in Italia da Spagna, Grecia, Croazia, Colombia e Malta, deve obbligatoriamente sottoporsi a tampone per verificare l’eventuale contagio da Covid-19. Ma come bisogna dunque agire al rientro da Paesi rischiosi elencati nell’ordinanza?

I NUMERI MESSI A DISPOSIZIONE DAL MINISTERO DELLA SALUTE PER I RIENTRANTI IN ITALIA

Per avere informazioni i viaggiatori di rientro da Spagna, Grecia, Croazia, Colombia e Malta possono chiamare i numeri messi a disposizione dal ministero della Salute:

  • dall’Italia il numero gratuito 1500;
  • dall’estero i numeri +39.02.32008345; +39.02.89619015 e +39.02.83905385.


COSA BISOGNA FARE

Il ministero ha spiegato che, per evitare lungaggini e file una volta giungi in Italia, è consigliabile presentarsi all’imbarco in aeroporto con l’attestazione di un test (molecolare o antigenico) eseguito nelle 72 ore prima e risultato negativo.

NON HO FATTO IL TEST PRIMA DI PARTIRE, COSA DEVO FARE?

Coloro che non hanno eseguito un test prima di partire per l’Italia, una volta giunti in Italia, dovranno chiamare i numeri regionali indicati sul sito web del ministero della Salute e qui sotto, nel nostro articolo. L’Asl competente provvederà a sottoporre a test diagnostico i rientranti in Italia entro 48 ore come prevede l’ordinanza.

Numeri verdi regionali

I numeri regionali dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia:

  • Basilicata: 800 99 66 88 
  • Calabria: 800 76 76 76
  • Campania: 800 90 96 99
  • Emilia-Romagna: 800 033 033
  • Friuli Venezia Giulia: 800 500 300
  • Lazio: 800 11 88 00
  • Liguria: 800 938 883
    attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 9 alle 16 e il sabato dalle ore 9 alle 12
  • Lombardia: 800 89 45 45
  • Marche: 800 93 66 77
  • Piemonte:
    • 800 19 20 20 attivo 24 ore su 24
    • 800 333 444 attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle 20
  • Provincia autonoma di Trento: 800 867 388
  • Provincia autonoma di Bolzano: 800 751 751
  • Puglia: 800 713 931
  • Sardegna: 800 311 377 (per info sanitarie) oppure 800 894 530 (protezione civile)
  • Sicilia: 800 45 87 87
  • Toscana: 800 55 60 60
  • Umbria: 800 63 63 63
  • Val d’Aosta: 800 122 121
  • Veneto: 800 462 340.
SCARICA QUI LA NORMATIVA AGGIORNATA
LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 17
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU