Ordinanza regione Puglia 13 agosto 2020 numero 336 | Si corre (tardivamente) ai ripari, da giovedì mascherine anche all’aperto

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Articolo aggiornato venerdì, 14 Agosto 2020 19:49

Ordinanza regione Puglia 13 agosto 2020

Dunque, sulla scia delle preoccupazioni a livello nazionale espresse da varie parti del Governo e delle istituzioni, l’altro giorno (12 agosto) il presidente Michele Emiliano ha firmato l’ordinanza regione Puglia 13 agosto 2020. Data a partire dalla quale sono già entrate in vigore le misure che possiamo leggere nel dettaglio in questo articolo.

TROPPO TARDI

Quelli come noi che, fin dal post lockdown, hanno cercato di mantenere alta la guardia cercando continuamente di sensibilizzare la gente a tenere un comportamento responsabile sono stati accusati di fare allarmismo. Oggi i fatti ci stanno dando purtroppo ragione: come si poteva ben prevedere, la maggior parte della gente (giovani e meno giovani) poco si è preoccupata di indossare mascherine, di mantenere le distanze di almeno un metro e bla bla bla…

I casi di gente infettata dal Covid-19 stanno aumentando continuamente negli ultimi giorni destando non poche preoccupazioni da parte di istituzioni regionali, nazionali e sanitarie. Molti di questi stanno ora cercando di correre ai ripari TROPPO TARDI. Lo abbiamo detto fin dall’inizio: pur comprendendo la profonda crisi economica in cui molte attività erano sprofondate, si doveva aspettare prima di aprire regioni, porti, aeroporti, locali e via discorrendo. Come si poteva pensare che aprendo i locali e le discoteche, la gente avrebbe mantenuto diligentemente le distanze e indossato le mascherine? Adesso tanti di noi rischieranno di pagare (umanamente ed economicamente) per il comportamento scellerato di tante persone che hanno sminuito il problema nonostante le centinaia e centinaia di morti. Tuttavia anche stavolta ci auguriamo di SBAGLIARE.

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI AGGIORNATA AL 14 AGOSTO

Il numero dei nuovi contagi in Italia continua a salire. Dal 13 agosto sono 574, i decessi sono stati 3. Il totale delle vittime sale a 35.234, mentre quello dei casi a 252.809.

Il Veneto è la prima regione per l’aumento di nuovi casi: rispetto al 13 agosto sono 127. In Lombardia il 14 agosto 97 casi positivi, 57 in Emilia Romagna.



Art. 1
  1. Con decorrenza dal 13 agosto, è fatto obbligo sull’intero territorio
    regionale di usare protezioni delle vie respiratorie (mascherine) in
    tutti i luoghi all’aperto
    in cui, a causa di particolari situazioni,
    anche collegate al maggiore afflusso di persone e turisti, non sia
    possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza
    di sicurezza di almeno un metro, afferendo il prescritto obbligo
    all’esclusiva responsabilità personale dei medesimi soggetti obbligati.
    Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché
    i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso
    continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con
    i predetti.
  2. A tal fine possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero
    mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in
    materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e, al
    contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza
    adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.
Art.2
  1. Con decorrenza dal 13 agosto, gli utenti di discoteche, sale da ballo
    e locali assimilati hanno l’obbligo di usare protezioni delle vie
    respiratorie
    (mascherine con le caratteristiche di cui all’art.1 co.2)
    sempre, anche all’aperto, laddove non sia possibile garantire
    continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza di 2
    metri sulla pista da ballo e di 1 metro nelle altre zone dei locali, afferendo il prescritto obbligo all’esclusiva responsabilità personale dei medesimi utenti;
  1. Gli esercenti, all’ingresso dei predetti locali, hanno l’obbligo di
    rilevare la temperatura corporea impedendo l’accesso in caso di
    temperatura superiore a 37,5°
    , nonché di predisporre una adeguata
    informazione sulle misure di prevenzione, comprensibile anche per i
    clienti di altra nazionalità, sia mediante l’ausilio di apposita
    segnaletica e cartellonistica e/o sistemi audio-video, sia ricorrendo a
    eventuale personale addetto, incaricato di monitorare e promuovere il
    rispetto delle misure di prevenzione.
  2. Rimangono ferme tutte le altre misure relative alle attività di
    intrattenimento danzante all’aperto di cui alle Linee Guida regionali
    adottate con ordinanza 283/2020.
Art.3

Le Prefetture competenti per territorio e i Sindaci dei Comuni interessati
provvedono a garantire i controlli nell’ambito delle rispettive competenze.

Art. 4

La mancata osservanza degli obblighi di cui alla presente ordinanza, salvo
che il fatto costituisca reato, è punita con le sanzioni di cui all’articolo 2
comma 1
del decreto legge 16 maggio 2020 n. 33 e all’articolo 4, comma
1, del decreto legge 25 marzo 2020 n.19
, convertito con modificazioni
dalla legge 22 maggio 2020 n.35.

I PDF DELLE ULTIME ORDINANZE REGIONALI PUGLIESI
  • Ordinanza del Presidente della Regione Puglia n. 336 del 12 agosto 2020 Misure urgenti per la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza della Regione Puglia contenente le misure di prevenzione per la gestione dell’emergenza Covid-19 per gli spazi all’aperto, discoteche, sale da ballo e locali assimilati.
  • Ordinanza del Presidente della Regione Puglia n. 335 del 11 agosto 2020 Misure urgenti per la gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Ordinanza della Regione Puglia contenente le misure di prevenzione per la gestione dell’emergenza Covid-19 per tutti i cittadini pugliesi che abbiano soggiornato o transitato, per vacanza, o vacanza – studio, in Spagna, Malta e Grecia, e che rientrino in Puglia presso la propria abitazione o dimora, con mezzi di trasporto pubblici o privati.
  • Ordinanza del presidente della Regione Puglia n. 278 del 2 luglio 2020 Dpcm 11 giugno 2020 – Ripresa dello svolgimento di sagre, feste e fiere locali e approvazione delle relative Linee guida regionali contenenti le misure idonee a prevenire o ridurre il rischio di contagio.
LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  • 24
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU