20 Maggio 2024
Home » Economia » Situazione occupazionale agosto 2016 | In lieve aumento rispetto a luglio
situazione occupazionale agosto 2016

situazione-occupazionale-agosto-2016

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i

Situazione occupazionale agosto 2016

L’Istat ha pubblicato i nuovi dati sull’occupazione. La stima della situazione occupazionale agosto 2016 registra un lieve miglioramento.

Un lieve miglioramento..

La stima della situazione occupazionale agosto 2016 registra un lieve incremento rispetto a luglio (+0,1%, pari a +13 mila unità), dopo il calo registrato il mese precedente (-0,3%). Dinamiche positive, dice l’Istat, si rilevano per la componente femminile, le persone di 50 anni o più, i lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. Il tasso di occupazione è stabile al 57,3%.

I movimenti mensili dell’occupazione determinano complessivamente nel periodo giugno-agosto 2016 un aumento degli occupati (+0,3%, pari a +76 mila unità) rispetto al trimestre precedente, con segnali di crescita per i lavoratori dipendenti, sia permanenti sia a termine e che coinvolgono entrambi i generi.

La stima mensile dei disoccupati ad agosto è ancora in lieve diminuzione (-0,1%, pari a -3 mila), dopo il precedente calo di luglio (-1,3%). La diminuzione interessa esclusivamente gli uomini ed è estesa a tutte le classi di età ad eccezione degli over 50. Il tasso di disoccupazione, pari all’11,4%, è invariato rispetto al mese precedente.

La stima degli inattivi invariata

Dopo l’aumento di luglio (+0,4%), ad agosto la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni rimane sostanzialmente invariata, sintesi di un aumento tra gli uomini e un calo tra le donne. Il tasso di inattività è stabile al 35,2%.

Nell’arco del trimestre giugno-agosto l’aumento degli occupati (+0,3%, pari a +76 mila) si associa a una crescita anche dei disoccupati (+0,4%, pari a +11 mila), per effetto del calo degli inattivi (-0,7%, pari a -93 mila).

Su base annua si conferma la tendenza all’aumento del numero di occupati (+0,7% su agosto 2015, pari a +162 mila). La crescita tendenziale è attribuibile esclusivamente ai dipendenti permanenti (+253 mila) e si manifesta per uomini e donne, concentrandosi totalmente tra gli over 50 (+401 mila). Gli indipendenti calano dell’1,6% (-89 mila). Nello stesso periodo risultano stabili i disoccupati mentre calano gli inattivi (-2,1%, pari a -296 mila).

Consulta sul nostro sito le OFFERTE di LAVORO proposte da NEUVOO

Consulta sul nostro sito le OFFERTE di LAVORO proposte da INDEED

LEGGI altri articoli sul tema LAVORO

Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spiacenti, non è possibile copiare il testo