Testo Un’altra luce – Nino D’Angelo e Livio Cori | (Video) Il brano di Sanremo 2019

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Testo Un’altra luce – Nino D’Angelo e Livio Cori

Un brano dalle sonorità che vanno oltre i confini italiani quello scritto da Nino D’Angelo e Livio Cori insieme a Big Fish. In questo articolo troviamo il testo Un’altra luce.

Una coppia tutta napoletana

Un duo composto da uno dei miti della canzone napoletana, Nino D’Angelo e un giovane rapper 29enne (1990) Livio Cori, napoletano verace dei Quartieri Spagnoli. Canta dall’età di 14 anni e nel 2018 il primo disco, Montacalvario, su Sugar Music di Caterina Caselli.

Il ritorno di Nino

Ennesima partecipazione al Festival di Nino D’Angelo che è salito sul palcoscenico musicale più importante d’Italia nel lontano 1986 con il brano “Vai” con il quale si classificò al 6° posto.

Nel 1999 si presentò con il brano “Senza giacca e cravatta” che ottenne un ottimo 7° posto cui fece seguito l’8° posto con il brano “Marì” a Sanremo 2002. L’anno successivo arrivò un 11° posto con il brano “A storia ‘e nisciuno”. L’ultima partecipazione al Festival risale al 2010 insieme a Maria Nazionale con il brano “Jammo jà” che, pur piacendo, non riuscì ad accedere alla finale.



Testo Un’altra luce

Je te veco accussì
Luce nel tuo sorriso 
Anche quando c’è il vento contro 
Quando il buio si fa profondo 
Je te veco accussì 
E sembra che il paradiso 
Si nasconda anche in questo mondo 
Dove un giorno dura un secondo 
Curre ‘ngopp a nu filo senza mai cade’ 
Si ‘a rint tien a guerra nun o faje vedèPare ca l’abitudine nun fa pe te 
Quando dici sti cose tu assumiglie a me 
Tu assumiglie a me 
Tu assomigli a me 
Tu assomigli a me 
Mai nessuno ha mai capito come 
Scaldarmi quanto il sole 
Ma tu sicuro sai illuminarmi dove 
L’ombra raffredda il cuore 

—–

Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè) 
Famme vedè (famme vedé) addo arriva sta luce famme vedè 
Famme vedè 
Te posso da ogni luce ca nun tieni 
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera 
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita 
Quanno nun ce crire 
Quanno nun ce crire 
Je te veco accussì 
Quella faccia pulita 
Si è sporcata coi graffi del tempo che fuggeChe colpisce ma non ci distrugge 

—–

Je te veco accussì 
Mentre passa una vita 
E io non me ne accorgo perché mi ha distratto
Quell’idea di non essere adatto 
‘E vote na parola ca nun vuo sentì 
È a chiave e na raggione ca nun saie capì 
E vote na parola te po fa vedè 
O bello ca nun vide ma sta attuorno a te 
Attorno a te 
Attorno a te 
Mai nisciuno (mai nessuno) te po arrubà nu suonno 
Si tu nun ‘o raccunte 
Stai sicuro (stai sicuro) 
Ca si rispiette l’onne o’ mare nun t’affonna

———-

Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè) 
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè 
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè (famme vedè) 
Famme vedè (famme vedè) addo arriva sta luce famme vedè 
Te posso da ogni luce ca nun tieni (ca nun tieni) 
Na luna ngopp o mare ca t’accumpagna a sera 
Pe te fa ascì a stu scur ca te ten prigiuniero 
Te posso da cient’ uocchie che t’appicciano ‘a vita 
Ma sarà sempe scuro si nun ce crire si nun ce crire 
Si nun ce crire

VIDEO dell’esibizione della prima serata
https://youtu.be/6TTunF7J0e0
Un’altra luce
Consigli per i tuoi acquisti musicali
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

La Gazzetta Digitale

Torna SU