Box Office Cinema 22-28 gennaio | Ligabue fa centro, è Made in Italy il film più visto

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Box office Cinema 22-28 gennaio 2018

Il film diretto da Ligabue “Made in Italy” è il più visto al box office Cinema 22-28 gennaio 2018 incassando quasi 1,5 milioni di euro. Scende al 3° posto il film di Verdone “Benedetta Follia” e scivola al 5° “Il vegetale” di Rovazzi.

Made in Italy sul gradino più alto

Per Luciano Ligabue, alla sua terza esperienza da regista, una bella soddisfazione con il primato ottenuto con “Made in Italy” interpretato da Stefano Accorsi e Kasia Smutniak. Il film, uscito nelle sale cinematografiche il 25 gennaio 2018, s’ispira all’omonimo album di Ligabue (uscito nel novembre 2016 e composto da 14 brani). Al centro della trama c’è Riko, il personaggio definito da Ligabue il suo alter ego: “Una delle vite che avrei potuto fare io se non fossi diventato un cantante“.

La trama

Il 50enne Riko è nato e cresciuto in una cittadina emiliana: è operaio nel salumificio dove lavorava suo padre e ha sposato Sara, una parrucchiera, quando era giovanissimo. È un uomo onesto, vive di un lavoro che non ha scelto, nella casa di famiglia che riesce a mantenere a stento. Seppur vivendo una vita preimpostata, seguendo i dettami della società, può contare su un gruppo di amici veri e su una moglie che, tra alti e bassi, ama da sempre.

Suo figlio è il 1° della famiglia ad andare all’università, è però un uomo molto arrabbiato con il suo tempo, che sembra scandito solo da colpi di coda e false partenze. Quando perde le poche certezze con cui era riuscito a tirare avanti, la bolla in cui vive si rompe e Riko capisce che deve prendere in mano il suo presente e ricominciare, in un modo o nell’altro.



L’ora più buia sale al 2° posto

Il film diretto da Joe Wright, uscito in Italia il 18 gennaio, sale in 2a posizione raccontando le vicende del 1° Ministro britannico Winston Churchill (interpretato da Gary Oldman), agli inizi della 2a guerra mondiale.

Nel 1940, Winston Churchill, appena eletto 1° ministro della Gran Bretagna dopo le dimissioni di Neville Chamberlain, deve decidere se negoziare un trattato di pace con la Germania nazista o continuare la guerra per difendere gli ideali e la libertà della propria nazione. Le inarrestabili forze naziste iniziano a conquistare tutta l’Europa occidentale e la minaccia di invasione diventa imminente. L’opinione pubblica non preparata, un re scettico e il suo stesso partito (i Conservatori) trama contro di lui, costringono Churchill a sopportare la sua ora più buia, mobilitando l’intera nazione, e tentando di cambiare il corso della storia mondiale.

Box Office cinema 22-28 gennaio 2018: i primi 10 della CLASSIFICA della settimana
  1. MADE IN ITALY: (Incassi: € 1.411.655 – Presenze: 203.279)
  2. L’ORA PIU’ BUIA (DARKEST HOUR): (Incassi: € 1.379.704 – Presenze: 215.141)
  3. BENEDETTA FOLLIA: (Incassi: € 1.244.680 – Presenze: 197.383)
  4. ELLA & JOHN (THE LEISURE SEEKER): (Incassi: € 1.141.763 – Presenze: 187.064)
  5. IL VEGETALE: (Incassi: € 1.133.861 – Presenze: 182.458)
  6. L’UOMO SUL TRENO – THE COMMUTER: (Incassi: € 1.072.605 – Presenze: 156.275)
  7. CHIAMAMI COL TUO NOME: (Incassi: € 781.250 – Presenze: 114.606)
  8. FABRIZIO DE ANDRE’ – PRINCIPE LIBERO: (Incassi: € 771.602 – Presenze: 79.506)
  9. JUMANJI: BENVENUTI NELLA GIUNGLA (JUMANJI: WELCOME TO THE JUNGLE): (Incassi: € 628.022 – Presenze: 95.584)
  10. TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI (THREE BILLBOARDS OUTSIDE EBBING, MISSOURI): (Incassi: € 616.846 – Presenze: 96.626).
TI POTREBBERO INTERESSARE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU