Christian DE SICA contro i fondi ministeriali | Il suo sfogo su certi spettacoli

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Christian DE SICA contro fondi ministeriali

Sbotta su Facebook l’attore Christian De Sica contro fondi ministeriali concessi a spettacoli che, a suo parere, non li meriterebbero.

Malafede o teste di c….?

Se lo chiede con un post pubblicato sul social, De Sica che, secondo lui, certi spettacoli teatrali non meriterebbero i fondi pubblici e i finanziamenti concessi. Dice De Sica:

Che sta succedendo? Milioni di euro dati a spettacoli che non interessano al pubblico, teatri che continuano a sfornare musical che chiudono dopo una settimana, teatri di prosa ridotti ad antri bui dove la gente si addormenta,premi e riconoscimenti a film impossibili che nessuno ha visto e mai vedrà.

Adesso qualcuno dirà è polemico è invidioso perché lui fa i Cinepanettoni. Si certo, ma la realtà purtroppo è questa. Comincio a dubitare del mio ambiente: malafede o teste di c….?

Christian De Sica contro fondi ministeriali: la critica di uno spettatore

De Sica condivide il post di uno spettatore recatosi a uno spettacolo che dice: “Parliamo dell’organizzazione di questo spettacolo: invito alle 8 platea di 3000 persone, botteghino microscopico all’inizio della Via Sacra. Ci mettiamo in fila alle 19.30, il botteghino, preso d’assalto come un barcone di profughi in mezzo al mediterraneo riesce a farci i biglietti dopo due ore di orologio, ma non è finita qui.

Oltre a fare 3 volte la via Sacra in salita, fine fila, discesa al botteghino e risalita, (non voglio parlare del povero signore in sedia a rotelle e delle signore incinta) si arriva al cancello, piccolissimo e pieno di angoli appuntiti a ferro vivo, nel quale la gente si strizzava come maiali condotti al macello, facciamo un’altra ora e mezza di fila finché al pubblico parte un embolo grosso così e la gente, tra cui il sottoscritto, inizia a urlare ‘BUFFONI!!’ Finché i cancelli si riaprono.

Torniamo un attimo indietro e parliamo della sicurezza, per la quale ci hanno fatto mostrare il documento, ma solo al botteghino. Ora, per chi non la ha presente, la via Sacra è un budello nel quale se arrivava un pazzo coperto di bombe dalla testa ai piedi avrebbero trovato il pubblico allo spiedo, sulle cancellate dei Fori Imperiali.
Complimenti agli organizzatori, davvero“.



LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU