Colorati INVOLTINI Primavera | Una specialità tipica della cucina asiatica

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Colorati INVOLTINI Primavera

La cucina cinese contemporanea è la testimonianza di un’antichissima cultura gastronomica estremamente variegata. I colorati INVOLTINI Primavera, un piatto rappresentativo della cucina cinese.

La cucina cinese

I piatti della cucina cinese sono caratterizzato da due o più elementi: carboidrati (per esempio quelli contenuti nel famoso zhǔshí, nel riso, e piatti di verdure accompagnati da carne o pesce).

Questa cucina è per molti aspetti opposta alla tradizione culinaria occidentale, in cui le proteine animali sono spesso considerate la base dell’alimentazione, basata anche sui derivati del grano (per esempio pasta e pane).

Come è noto, il riso è una parte fondamentale della cucina cinese malgrado, in molte zone della Cina e soprattutto nella Cina del Nord, i prodotti derivati dal frumento abbiano preso una notevole predominanza sul riso.

I colorati Involtini Primavera

Tra i moltissimi piatti tipici della tradizione culinaria cinese abbiamo scelto di proporre uno dei più gustosi e colorati: gli intramontabili, i colorati INVOLTINI Primavera. Un piatto di sicuro effetto che darà un originale tocco orientale alla vostra tavola.

Gli Involtini Primavera (春卷 o chūn juǎn) sono una pietanza tipica della cucina cinese, servito solitamente come antipasto. Si tratta di stuzzicanti involtini realizzati con una pasta molto sottile (tipo carta di riso o pasta fillo) che racchiudono al loro interno un ricco ripieno di verdure e macinato di suino o gamberetti, o anche solo di verdure se si preferisce la versione vegetariana.

Questi involtini erano serviti tradizionalmente soprattutto in occasione dei festeggiamenti del capodanno cinese, che coincideva con l’arrivo della primavera, da qui il nome Involtini Primavera.

Esistono infinite varianti degli Involtini Primavera, che differiscono tra loro per la tipologia di ingredienti utilizzati nella preparazione del ripieno e addirittura ne esiste una versione dolce. Così come accade un po’ per tutte le ricette tradizionali di ogni luogo nel mondo, anche la ricetta di questi involtini subisce declinazioni locali che dipendono dalle tradizioni delle famiglie e dei luoghi dove vengono preparati. La ricetta che proponiamo è l’originale, senza influenze territoriali o varianti.



La ricetta
Ingredienti per gli Involtini

Iniziare con la preparazione della pastella che servirà come guscio per racchiudere il ripieno. Riunire in una ciotola farina, maizena ed una presa di sale. Aggiungere l’acqua gradualmente mescolando con una frusta. Il risultato sarà una pastella liscia e abbastanza densa. Coprire la pastella con la pellicola e lasciarla riposare per almeno mezz’ora.

Nel frattempo preparare il ripieno: pelare la carota e tagliarla a listarelle, tagliare a listarelle anche il porro e il cavolo verza. In un wok scaldare l’olio e rosolarvi il macinato di suino, facendogli prendere colore rimestando di tanto in tanto, poi aggiungere le carote, il cipollotto, il cavolo e i germogli di soia. Far insaporire il tutto qualche minuto, facendo attenzione a non stracuocere  le verdure (che dovranno rimanere croccanti) poi insaporire con la salsa di soia. Quando il ripieno è pronto metterlo da parte e lasciarlo raffreddare.

Preparazione dell’involucro..

Scaldare una padella antiaderente (circa 18 cm di diametro) e quando sarà ben calda versarvi un mestolo della pastella preparata all’inizio della ricetta, roteando la padella allargare la pastella e cuocere prima su un lato, quindi rivoltare la “frittatina”e farla cuocere sull’altro lato. Le “frittatine”dovranno essere sottilissime, quasi trasparenti. Procedere in questo modo fino a esaurimento della pastella.

Prendere una “frittatina”, sistemarla su un tagliere, porvi un po’ di ripieno al centro, quindi chiudere l’involtino sollevando la parte inferiore e portandola sul ripieno. Spennellare la parte libera superiore con dell’acqua miscelata con un po’ di farina (servirà per sigillare l’involtino). Quindi piegare, sempre verso l’interno, le due estremità laterali ed ancora la parte superiore per “arrotolare” e chiudere ermeticamente l’involtino. Procedere in questo modo per realizzare tutti gli involtini.

Riscaldare abbondante olio di semi in un wok o una padella profonda e, quando è bel caldo (180°), tuffarvi gli involtini per dorarli bene, da entrambi i lati. Quando saranno ben dorati estrarli dall’olio con una schiumarola ed eliminare l’olio in eccesso su carta da cucina.

Gli Involtini Primavera sono pronti per essere gustati, servirli ben caldi accompagnandoli con salsa di soia.

LEGGI altre RICETTE



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Rosita

Rosita

Food Blogger, articolista di food, wellness e salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU