Commercio su aree pubbliche | Incontro alla CCIAA di Bari – BAT

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Articolo aggiornato giovedì, 5 Ottobre 2017 17:35

Commercio su aree pubbliche

Commercio su aree pubbliche. Cosa accadrà nel 2017 in seguito all’applicazione da parte dell’Italia della “Direttiva Bolkestein”?

Il dibattito

Il 3 maggio 2016 ore 9.30 si terrà l’iniziativa organizzata da Confcommercio Bari-BAT in collaborazione con la Regione Puglia e l’ANCI Puglia nella Sala Azzurra della Camera di Commercio di Bari. Una giornata di studio sul rinnovo delle autorizzazioni per il commercio su aree pubbliche in vista della loro non lontana scadenza.

L’incontro, dopo i saluti del presidente della ConfCommercio, Alessandro Ambrosi, sarà moderato da Giuseppe Chiarelli, Segretario Regionale Confcommercio Puglia. Interverranno Loredana Capone, assessore allo Sviluppo economico alla regione Puglia, Luigi Perrone, Presidente ANCI Puglia, Armando Zelli, Segretario Nazionale F.I.V.A. Confcommercio, Teresa Lisi, responsabile Sezione Attività Economiche e Marta Lisi, responsabile Servizio Mercati e Fiere. Le conclusioni saranno affidate a Giacomo Errico, Presidente F.I.V.A. Confcommercio – Imprese per l’Italia.

Cosa accadrà nel 2017 in seguito all’applicazione da parte dell’Italia della “Direttiva Bolkestein”?

La Direttiva europea “regola” varie attività commerciali, fra cui proprio i mercati, la durata delle concessioni, i criteri di selezione, le fiere, l’assegnazione dei posteggi in fiere e mercati di nuova istituzione, i cui effetti si verificheranno dall’anno prossimo.

La nuova disciplina entrerà in vigore nel maggio 2017 quando cioè verranno realizzati i nuovi bandi per le assegnazioni dei posti nei mercati.

Secondo il Presidente di Confcommercio Ambrosi “Nel 2017 i Comuni avvieranno le procedure di rinnovo (per una durata di 9-12 anni) sulla base di tre criteri: anzianità d’impresa e di posteggio, disponibilità a garantire le regole definite dal comune per l’utilizzo dell’area assegnata, regolarità contributiva, fiscale e tributaria. Efacile comprendere che a fronte di una gestione corretta degli adempimenti fiscali, contributivi e tributari i titolari dei posteggi avranno la certezza di vedere rinnovata la propria concessione nel 2017. Bisogna prendere atto che nel settore del commercio con la nuova direttiva europea su aree pubbliche stanno cambiando le regole per la concessione delle licenze”.



LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU