Discarica abusiva nel pulsanese | Sequestro e denunce a 2 persone

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Articolo aggiornato mercoledì, 24 Maggio 2017 12:36

Discarica abusiva nel pulsanese

Due tarantini sono stati denunciati dai Carabinieri per attività di discarica abusiva nel pulsanese, in provincia di Taranto.

Il ritrovamento

I Carabinieri della Stazione di Pulsano (TA) hanno denunciato in stato di libertà, due tarantini con pregiudizi di polizia, per attività di gestione di rifiuti non autorizzata e sottrazione e danneggiamento di cose sottoposte a sequestro.
I militari dell’Arma dei Carabinieri, durante le attività preventive (e repressive) finalizzate a contrastare i reati in materia ambientale, supportati da un elicottero del 6° Elinucleo Carabinieri di Bari Palese, acquisivano la notizia della presenza di un’area, sita in agro di Pulsano, divenuta oggetto di indiscriminato abbandono di rifiuti, con annessa area adibita alla distruzione mediante incenerimento.

Dopo aver accertato il perpetrarsi dell’attività nociva all’ambiente, i Carabinieri, grazie alle indagini eseguite, hanno accertato che l’area in questione corrispondeva a un fondo di proprietà di una società. Il rappresentante legale di codesta società era un uomo residente a Taranto, che, senza autorizzazione, aveva consentito l’accumulo sul terreno in questione di rifiuti pericolosi e non. Si trattava di rifiuti solidi urbani, materiale di demolizione, onduline in eternit e pneumatici.

Il sequestro

L’area, grande circa 1000 mq, è stata sottoposta a sequestro, mentre l’uomo è stato denunciato per attività di raccolta e miscelazione di rifiuti non autorizzata.
Nei giorni seguenti, nonostante il decreto di sequestro preventivo dell’Autorità Giudiziaria per impedire che il reato provocasse ulteriori conseguenze, un secondo soggetto (sempre tarantino) appartenente alla stessa società, titolare del terreno in questione, aveva dato mandato ad alcune persone (sulle quali si sta indagando per l’identificazione) di occultare parte dei rifiuti in una cava nelle vicinanze. Anche quest’ultimo è stato denunciato sia per attività di gestione di rifiuti non autorizzata che per sottrazione e danneggiamento di cose sottoposte a sequestro.

P.S. : l’immagine NON si riferisce al fatto in questione.



LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul sociale, fisco, lavoro e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU