Giornata diagnosi tumori testa-collo | Visite GRATUITE il 23 settembre 2016

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 4 minuto/i


Giornata diagnosi tumori testa-collo

Venerdì 23 settembre 2016 in occasione della Giornata diagnosi tumori testa-collo si potranno sostenere le visite gratuite dedicate alla prevenzione primaria e secondaria dei tumori.

In poche strutture di poche città d’Italia hanno aderito all’iniziativa, una di queste è Roma. L’altra di cui abbiamo notizia è la Clinica otorinolaringoiatrica dell’Ospedale Civile di Brescia (dalle 8.30 alle 12.30).

Non risultano adesioni al sud Italia relativamente all’iniziativa iniziata il 19 e che terminerà il 23 settembre 2016. E ci risulta davvero assurdo e incomprensibile che in città come Taranto e nella Terra dei Fuochi dove si respira inquinamento, non ci siano state adesioni.

Al Policlinico Gemelli di Roma

Il Policlinico Gemelli di Roma ha aderito all’iniziativa “Giornata diagnosi tumori testa-collo” organizzata nell’ambito della “4th Head & Neck Cancer Awareness Week” (19-23 settembre) promossa dalla “European Head & Neck Society”.

L’area Testa-Collo della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli partecipa con visite gratuite dedicate alla prevenzione primaria e secondaria di queste gravi e diffuse patologie oncologiche (Per informazioni tel. 0630154439 – 06 30154450).

L’invito è rivolto a tutti quei soggetti che devono considerarsi a rischio per queste malattie“, spiega il professor Gaetano Paludetti, Direttore Area Testa Collo del Policlinico A. Gemelli e Ordinario di Otorinolaringoiatria all’Università Cattolica.

È la prima volta che tale attività gratuita avviene sotto l’egida della European Head and Neck Society. La visita sarà eseguita negli ambulatori  di otorinolaringoiatria (III piano dalle 8.30 alle 16.00) e sarà una ispezione e palpazione del cavo orale e del collo più una endoscopia a fibre ottiche con colorazioni biologiche della mucosa delle vie aereo digestive (NBI).

I soggetti a rischio

  • Fumatori;
  • persone con problemi di dipendenza dall’alcol;
  • soggetti con protesi dentarie malfatte, denti non trattati e radici traumatiche per lingua e guance (tutte condizioni che possono portare a spine irritative endorali);
  • pazienti con lichen endorale (lesioni precancerose della bocca);
  • pazienti con elevata promiscuità sessuale (che quindi sono ad alto rischio di infezioni da papilloma virus, un fattore di rischio per questo tumore).


Giornata diagnosi tumori testa-collo: a chi sono rivolte le visite

Le visite sono rivolte anche a tutti coloro che hanno sintomi sospetti (fastidi perduranti in bocca e gola, senso di corpo estraneo in gola, dolori perduranti, voce bassa, difficoltà alla deglutizione, lesioni ed ulcerazioni in bocca).

In Italia circa 10 mila nuovi casi all’anno

Il prof. Paludetti fa il punto della situazione: “Al Gemelli discutiamo al Tumor Board della Clinica Otorino circa 300 nuovi casi l’anno. I tumori testa e collo in Europa con qualche differenza tra i vari paesi presentano una incidenza intorno a 20 nuovi casi ogni 100 mila abitanti ogni anno. In Italia grosso modo ci sono 10 mila nuovi casi ogni anno. Questi tumori sono localizzati principalmente a livello della laringe, della faringe e della bocca. Il rapporto fra maschi e femmine è 4:1. Il fumo di tabacco e il consumo di alcolici sono i principali fattori di rischio. L’infezione da papilloma virus umano rappresenta un altro importante fattore di rischio ma solo per i tumori dell’orofaringe“.

L’importanza della diagnosi

Prosegue il professore: “Paradossalmente la diagnosi avviene spesso tardivamente pur essendo i distretti interessati facilmente esaminabili. La diagnosi precoce consente di migliorare decisamente la prognosi e spesso di guarire. Se diagnosticati tardivamente, invece, i tumori della testa e del collo invece conducono spesso a una morte drammatica e comunque costringono i pazienti a trattamenti chirurgici o non chirurgici che, seppur risolutivi, compromettono molto seriamente la qualità della vita dei pazienti sia dal punto di vista estetico che funzionale. Infatti vengono fortemente compromesse alcune funzioni vitali come la respirazione, la fonazione e la deglutizione“.

LEGGI ANCHE


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU