IPhone e iPad contraffatti | Arriva l’allarme dell’OCSE, ecco come riconoscere un FAKE

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


IPhone iPad contraffatti

Erano in molti a pensare che il mercato della contraffazione di smartphone e similari interessasse soprattutto Cina e altri Paesi, non è così. La percentuale di IPhone iPad contraffatti acquistati all’estero e spediti ovunque, è più alta di quanto si pensi.

La denuncia dell’OCSE

L’OCSE – Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico – (in inglese OECD – Organisation for Economic Co-operation and Development) lancia l’allarme su IPhone iPad contraffatti. Uno smartphone su cinque, acquistato all’estero e/o spedito per posta o tramite corriere è contraffatto. Il report dell’OCSE mostra un quadro del mercato della contraffazione dal quale praticamente non si salva nulla.

La richiesta continua e senza sosta alimenta questo fenomeno e dunque smartphone, batterie, caricabatterie, memory card, tablet, console di videogames e notebook sono quelli più a rischio falsificazione.

iphone ipad contraffatti
Cliccaci sopra per scaricare tutti i dati in formato EXCEL

Il report

Analizzando i dati del 2013, l’OCSE sottolinea: “In media il 6,5% del commercio globale di beni dell’information e Communication technology (ICT) riguarda prodotti contraffatti. Un dato che supera del 2,5% della totalità delle merci riscontrate false nel report del 2016.

I dispositivi falsificati – prosegue l’OCSE – possono provocare rischi per la salute, la privacy e la sicurezza dei consumatori perché contengono anche sostanze pericolose come piombo e cadmio. Un mercato di contraffazione di circa 143 miliardi di dollari che vede la Cina come principale fonte di merce ICT contraffatta.

Se ne discuterà anche nel “Global Anti-Corruption and Integrity Forum” che si terrà il 30 e 31 marzo 2017.



Alcune indicazioni per riconoscere i fake

Molti prodotti sembrano identici all’originale, dal packaging al prodotto stesso che presenta differenze di peso, nel display e nella scarsa durata della batteria. Durata che rappresenta peraltro da sempre una vera e propria croce per le batterie originali…

Una delle prime stranezze che si possono notare è il peso dovuto all’utilizzo di materiali di scarsa qualità nel prodotto taroccato. Certo, non possiamo conoscere a priori il peso dei dispositivi che acquistiamo però, una volta acquistato, possiamo maneggiarlo e pesarlo confrontando il peso con quello dichiarato ufficialmente dai produttori. La palese differenza (anche al tatto) ci farà capire di avere a che fare con un dispositivo contraffatto e magari lo si potrà restituire (chiedendo il rimborso).

Altri elementi per riconoscere un fake possono essere la qualità del display, la presenza del dual sim (nel caso di un iPhone), la facilità di smontaggio del dispositivo e differenze grafiche nel sistema operativo installato.

Vuoi controllare se il tuo smartphone è originale?

Per controllare il codice IMEI (un codice identificativo del dispositivo) del proprio dispositivo basta fare in uno dei seguenti due modi:

Dove si trova l’IMEI? Nella parte posteriore della confezione del dispositivo in proprio possesso. Se non si è più in possesso della scatola, niente paura, basta digitare sul proprio smartphone (al posto di un numero di telefono qualunque) il codice *#06# per far apparire immediatamente sul display il codice IMEI del dispositivo.

LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU