Mozione di Lina Ambrogi Melle | Elevate emissioni di diossine

Tempo di lettura stimato: 3 minuto/i


Mozione di Lina Ambrogi Melle | Elevate emissioni di diossine

Mozione di Lina Ambrogi Melle presentata oggi al Consiglio Comunale di Taranto per “elevate emissioni di diossine a Taranto e ritardo nella conoscenza“. I dettagli nel Comunicato della Consigliera.

La Mozione di Lina Ambrogi Melle: il Comunicato

“Oggi, 2 marzo 2016, in Consiglio comunale a Taranto ho presentato una mozione sulle “elevate emissioni di diossine a Taranto e ritardo nella conoscenza” firmata anche dai consiglieri Capriulo, Vietri, Gigante, Liviano e Cannone.

Pur essendo un Consiglio di prosecuzione di quello precedente dello scorso 22 febbraio 2016, la mozione è stata ECCEZIONALMENTE messa all’ordine del giorno e verrà discussa nella prossima riunione del Consiglio del 15 marzo 2016.

In questa mozione, ho dapprima  portato all’attenzione del Consiglio la preoccupante  relazione del Politecnico di Torino, commissionata dalla stessa Ilva come prescritto nell’autorizzazione Integrata Ambientale, in cui vengono certificati i livelli altissimi di diossina che ci sono stati ai Tamburi di Taranto tra l’agosto 2013 ed il febbraio 2015 con picchi fino a 791 picogrammi al metro quadro ( MAI avuti prima in Italia ) e lo sconcerto per non aver ancora oggi la possibilità di conoscere i dati della diossina successivi a quella data fino ad oggi, in una città così a rischio per l’ambiente e per la salute come Taranto .

Voglio ricordare che la diossina è un pericoloso cancerogeno genotossico.

Quindi ho evidenziato la gravità del ritardo ( anni ) con cui la popolazione di Taranto è venuta a conoscenza di questi dati così pericolosi  per la salute umana e solo tramite stampa e da denunce degli ambientalisti.

Gravissimo è stato soprattutto il  comportamento della struttura commissariale dell’ilva ( amministrazione statale ) che non ha comunicato tempestivamente dei dati così essenziali per la salute pubblica alle strutture di controllo,  impedendo di fatto eventuali interventi preventivi di tutela sanitaria della popolazione tarantina.

Allarmante , inoltre, per comune conoscenza derivanti da notizie disponibili in rete, che continuino le attività agricole intorno allo stabilimento Ilva ed il pascolo di animali, nonostante i relativi divieti riguardino un raggio di 20 km.dall’Ilva, mettendo anch’essi a rischio la salute pubblica.

Pertanto poichè il Sindaco ha precise responsabilità ex lege in materia di sicurezza , sanità e  igiene pubblica e, se esistono pericoli incombenti, in adempimento della  Direttiva Seveso deve informare la popolazione dei rischi rilevanti cui è sottoposta, gli viene chiesto:
a)  di adottare ogni provvedimento in suo potere per tutelare la sicurezza, la  sanità e l’igiene pubblica;

b) di informare la popolazione dei rischi rilevanti cui è stata sottoposta dopo il febbraio 2015 fino al periodo attuale;

c) di attivarsi per chiarire immediatamente le cause che hanno provocato la dispersione nell’ambiente di elevati valori di diossina;

d) di richiedere ad Arpa Puglia di produrre i dati più recenti sulle deposizioni della diossina;

e) di attivarsi per fare in modo che la rilevazione delle diossine , in tutta la città, abbia una rete di monitoraggio aggiornata ai dati il più possibile recenti;

f) di coinvolgere le istituzioni preposte, ARPA, ASL,etc., sulla verifica della responsabilità delle fonti inquinanti di diossine, adottando ogni atto conseguente alla tutela della salute pubblica ed eventualmente richiedendo la revisione o la REVOCA  delle autorizzazioni ambientali rilasciate.

LIFESTYLE

Torna alla Homepage de La Gazzetta Digitale

FOOD

SEGUICI SU TWITTER



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO


Mauro Guitto

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. Tra i vari temi, scrivo di sociale, spettacolo, sicurezza alimentare e sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU