Palermo-Juventus anticipo sesta giornata | Formazioni, risultato, statistiche

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i


Palermo-Juventus anticipo sesta giornata

Prosegue il duello a distanza tra Juventus e Napoli. Palermo-Juventus anticipo sesta giornata finisce 0-1 ma quanta fatica! Alle 20.45 il Napoli al San Paolo contro il Chievo.

Palermo – JUVENTUS 0-1 (49′ aut. Goldaniga)

La cronaca del match

La partita Palermo-Juventus anticipo sesta giornata è inspiegabilmente nervosa fin dai primi minuti tra le due formazioni: in 8 minuti si contano già 3 ammonizioni e dopo 20 minuti gli ammoniti sono 2 per parte. E’ la Juve a fare la partita fin dall’inizio con un pressing molto alto nella metà campo palermitana. Mandzukic si muove molto da destra a sinistra mentre Higuain cerca di farsi vedere spesso a centro area ma, tranne in due occasioni (la prima delle quali dopo pochi secondi dal fischio d’inizio con un tiro finito alto da ottima posizione), non riesce a trovare molti spazi.

Col passare dei minuti però i bianconeri perdono smalto e non riescono a concludere molto. Al 31′ Rugani s’infortuna e viene sostituito da Cuadrado.

Allegri è così costretto a cambiare assetto tattico passando alla difesa a 4 arretrando Dani Alves per far spazio a Cuadrado sulla destra.

Nel primo tempo si vede che Lemina non sembra ancora pronto a reggere il centrocampo, nonostante la presenza del più esperto Khedira e lo stesso Pjanic.

Al termine del primo tempo si va negli spogliatoi su un deludente 0-0 con 6 ammonizioni (3 per parte).

Secondo tempo

La ripresa di Palermo-Juventus anticipo sesta giornata comincia con l’equilibrio del primo tempo ma si sblocca con un gol fortunoso: tiro dalla distanza di Dani Alves che viene deviato da Goldaniga che spiazza il portiere palermitano. E’ 0-1 per la Juve.

Il gol cambia un po’ la partita perché da quel momento, senza fare niente di particolare, la Juve riesce a trovare qualche spazio in più con Alves (uno dei migliori) e Mandzukic che sfiora in 2 occasioni il raddoppio.

La Juve però non riesce a chiudere la partita e il Palermo riesce a creare problemi alla squadra di Allegri.

Lemina continua a essere confuso a centrocampo, nemmeno Cuadrado sembra dare l’apporto sperato da Allegri che fa entrare anche Asamoah al posto di Pjanic.

Al minuto 85 entra anche Chiellini al posto di Alves e la Juve torna alla difesa a 3.

All’88’ si fa male anche Asamoah (si teme una ricaduta al ginocchio operato in precedenza che lo ha tenuto lontano dai campi per molto tempo) dopo soli 20 minuti di gioco e la Juve è costretta a giocare in 10 uomini, avendo già effettuato 3 sostituzioni.

Non è una Juve esaltante quella vista oggi al Barbera, che ha sofferto fino all’ultimo perché incapace di chiudere la partita.

E’ finita con una vittoria ma quanta fatica.

In cerca di conferme in Sicilia

Dopo il poker casalingo contro il Cagliari, la Juventus cerca il bis a Palermo, vincente a Bergamo nella scorsa giornata.

Il Palermo cerca invece i primi punti al Renzo Barbera, dato che i siciliani finora hanno fatto punti solo fuori casa. Nei due match casalinghi giocati il Palermo ha perso nettamente (0-3) contro il Napoli e 0-1 nella prima giornata contro il Sassuolo.
La capolista finora fuori casa ha vinto solo una volta e ha perso a Milano contro l’Inter (che è la squadra che ha fatto meglio di tutte fuori casa) nella quarta giornata.
Il solo punto di vantaggio sul Napoli praticamente non conta nulla, visto che siamo ancora alla sesta giornata, ma Allegri sa bene che è meglio averlo in più (rispetto alle inseguitrici) che non in meno.
I bianconeri giocano al Barbera di Palermo prima di tuffarsi completamente nell’importante match di martedì prossimo in Champion’s League a Zagabria contro la Dinamo (27 settembre ore 20.45) dove non saranno concessi passi falsi dopo il pareggio casalingo contro gli spagnoli del Siviglia.



Le FORMAZIONI

Allegri anche questa volta schiera fin dal primo minuti Pjanic e Higuain mentre a sorpresa schiera al suo fianco Mandzukic lasciando riposare (in vista Champion’s) Dybala. Per lo stesso motivo parte dalla panchina anche Chiellini.

Palermo (3-4-2-1): Posavec; Cionek, Goldaniga, Gonzalez; Rispoli, Gazzi, Jajalo, Aleesami; Diamanti, Chochev, Balogh.
A disposizione: Marson, Fulignati, Vitiello, Morganella, Andelkovic, Sallai, Hiljemark, Bouy, Pezzella, Bruno Enrique, Lo Faso. Allenatore: De Zerbi
Indisponibili: Trajkovski, Quaison, Rajkovic, Bentivegna
Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Rugani; Dani Alves, Khedira, Lemina, Pjanic, Alex Sandro; Higuain, Mandzukic.
A disposizione: Neto, Audero, Chiellini, Asamoah, Cuadrado, Sturaro, Licthsteiner, Hernanes, Pjaca, Dybala. Allenatore: Allegri
Indisponibili: Marchisio, Mandragora, Benatia.
I precedenti

Lo scorso anno a Palermo finì con la netta vittoria della Juve 0-3. L’ultima vittoria dei siciliani in casa risale al 2 febbraio 2011 (2-1), segnarono Miccoli, Migliaccio e Marchisio. Poi 4 sconfitte senza riuscire a segnare nemmeno un gol ai bianconeri.

LEGGI altri articoli sulla SERIE A



@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU