Richiamo Trance di pesce spada | Ritirati alcuni lotti per rischio chimico

Ultimo aggiornamento:

Tempo di lettura stimato: 2 minuto/i


Richiamo Trance di pesce spada

Il Ministero della Salute informa di aver provveduto al richiamo Trance di pesce spada a causa della presenza eccessiva di Mercurio.

I dettagli del ritiro

  • Marchio del prodotto e denominazione di vendita: Trance di pesce spada
  • Nome o ragione sociale dell’OSA a nome del quale il prodotto è stato commercializzato: EFFETI SURGELATI SRL
  • Lotti di produzione: 70898/70899/72476/72477/72478/72838/73409/74330/75185
  • Marchio d’identificazione dello stabilimento/del produttore: IT W2V5V CE
  • Nome del produttore: EFFETI SURGELATI SRL
  • Sede dello stabilimento: Calenzano (FI) – Via San Morese, 66
  • Data di scadenza o termine minimo di conservazione: 27 maggio 2017
  • Descrizione peso/volume unità di vendita: Sacchetti trasparenti per alimenti
  • MOTIVO del richiamo: Presenza di MERCURIO oltre i limiti
richiamo trance di pesce spada
L’etichetta del prodotto

Il mercurio

Ricordiamo che il mercurio è fortemente tossico e la sua tossicità è nota fin dai tempi antichi. La sua introduzione nell’organismo può avvenire sia per ingestione, sia per inalazione dei vapori, sia per semplice contatto in quanto ha la capacità di attraversare la pelle. I sali di mercurio sono più facilmente assumibili attraverso gli alimenti che mangiamo, oltre agli impieghi negli antisettici, nelle vernici, nelle cere per pavimenti, nei lucidanti per mobili, negli ammorbidenti e nei filtri per i condizionatori di aria. Quello presente nelle otturazioni dentali in amalgama è stato ed è motivo di discussione da tempo perché provocherebbe patologie varie.

La forma più pericolosa per la salute umana è comunque quella organica (principalmente metilmercurio) presente nel pesce ed altri alimenti, che vengono assorbiti ed accumulati con maggiore efficienza dai tessuti. Ed è questo il motivo (oltre a quello ambientale) che la legge (a livello europeo e internazionale) ha introdotto delle norme per la salute pubblica che fissano dei limiti sulla presenza di mercurio. Limiti che, se superati, vietano di mettere in commercio il prodotto alimentare che non deve assolutamente essere ingerito.

P.S. : LA FOTO è solo indicativa



LEGGI anche


@ Riproduzione riservata

CONDIVIDI L'ARTICOLO
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Mauro Guitto

GIORNALISTA iscritto all'Ordine dei Giornalisti Regione Puglia. All'attivo articoli sul fisco, sociale, lavoro, televisione e sicurezza alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

La Gazzetta Digitale

Torna SU