23 Giugno 2024
Home » Lifestyle » Salute » Allarme Oms sulle sigarette elettroniche | Urgente proteggere bimbi
Allarme Oms sulle sigarette elettroniche

Allarme Oms sulle sigarette elettroniche

Tempo di lettura stimato: 5 minuto/i

ALLARME OMS SULLE SIGARETTE ELETRONICHE

Arriva l’allarme Oms sulle sigarette elettroniche: “Necessaria azione urgente per proteggere i bambini“. Un’allerta che avrebbe potuto arrivare molto prima che la situazione degenerasse fino a questo punto. E come spesso succede, adesso si cerca di riparare (tardi) agli enormi danni sociali e alla salute ormai già fatti.

OCCORRE RIDURRE AL MINIMO I DANNI

“È necessaria un’azione urgente per controllare le sigarette elettroniche per proteggere i bambini e i non fumatori e ridurre al minimo i danni alla salute della popolazione” – avverte l’Oms.

Le sigarette elettroniche come prodotti di consumo non si sono dimostrate efficaci per smettere di fumare a livello di popolazione. Invece, sono emerse prove allarmanti sugli effetti negativi sulla salute della popolazione“.

LA VENDITA AI GIOVANI

“Le sigarette elettroniche – prosegue l’Oms – sono state consentite sul mercato aperto e commercializzate in modo aggressivo ai giovani“. Poi evidenzia i seguenti numeri:

  • 34 Paesi vietano la vendita di sigarette elettroniche;
  • 88 Paesi non hanno un’età minima in cui le sigarette elettroniche possono essere acquistate;
  • 74 Paesi non hanno normative in vigore per questi prodotti dannosi.
L’ESORTAZIONE DEL DIRETTORE DELL’OMS

Il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, denuncia:

I bambini vengono reclutati e intrappolati in tenera età per usare le sigarette elettroniche e possono diventare dipendenti dalla nicotina

Esorto i paesi ad attuare misure rigorose per prevenire l’adozione per proteggere i loro cittadini, in particolare i loro bambini e giovani” – conclude il direttore.

I RISULTATI DELLE RICERCHE

L’Oms spiega che “le sigarette elettroniche con nicotina creano una forte dipendenza e sono dannose per la salute. Sebbene gli effetti sulla salute a lungo termine non siano completamente compresi, è stato stabilito che generano sostanze tossiche, alcune delle quali sono note per causare il cancro e altre che aumentano il rischio di disturbi cardiaci e polmonari“.

GLI ALTRI DANNI PROVOCATI DALLE SIGARETTE ELETTRONICHE

L’uso di sigarette elettroniche – spiega l’Oms – può anche influenzare lo sviluppo del cervello e portare a disturbi dell’apprendimento per i giovani. L’esposizione fetale alle sigarette elettroniche può influire negativamente sullo sviluppo del feto nelle donne in gravidanza. L’esposizione alle emissioni delle sigarette elettroniche comporta anche rischi per gli astanti“.

L’ALLARME SUI BAMBINI

Le sigarette elettroniche si rivolgono ai bambini attraverso i social media e gli influencer, con almeno 16.000 gusti. Alcuni di questi prodotti utilizzano personaggi dei cartoni animati e hanno un design elegante, che si rivolge alle generazioni più giovani. C’è un allarmante aumento dell’uso di sigarette elettroniche tra i bambini e i giovani con tassi superiori all’uso da parte degli adulti in molti paesi“, ha dichiarato il direttore dell’OMS per la promozione della salute.

I DATI PREOCCUPANTI SU BAMBINI E GIOVANI

I bambini di età compresa tra i 13 e i 15 anni utilizzano le sigarette elettroniche a tassi superiori a quelli degli adulti in tutte le regioni dell’OMS. In Canada, i tassi di utilizzo di sigarette elettroniche tra i 16 e i 19 anni sono raddoppiati tra il 2017 e il 2022 e in Inghilterra (Regno Unito) il numero di giovani utenti è triplicato negli ultimi tre anni.

Gli studi dimostrano costantemente che i giovani che usano le sigarette elettroniche hanno quasi tre volte più probabilità di usare le sigarette più tardi nella vita.

NECESSARIE MISURE URGENTI

Come spiega l’Oms, sono necessarie misure urgenti per prevenire la diffusione delle sigarette elettroniche e contrastare la dipendenza da nicotina, insieme a un approccio globale al controllo del tabacco e alla luce delle circostanze nazionali.

Nei Paesi dove la vendita è vietata, occorre rafforzare l’attuazione del divieto e continuare il monitoraggio e la sorveglianza per sostenere gli interventi di salute pubblica e garantire una forte applicazione.

Dove invece sono consentite vendita, importazione, distribuzione e produzione di sigarette elettroniche bisogna ridurre il loro fascino vietando tutti gli aromi, limitando la concentrazione, la qualità della nicotina e regolamentando la tassazione.

L’ERRATA STRATEGIA DEI GOVERNI PER INDURRE A SMETTERE DI FUMARE

Sulla base delle prove attuali, l’Oms sottolinea come non sia consigliabile per i governi consentire la vendita di sigarette elettroniche come prodotti di consumo nel perseguimento di un obiettivo di smettere di fumare le sigarette tradizionali. Fine che invece va perseguito dopo attenti studi sulle condizioni individuali.

INFINE LA DENUNCIA SULL’INDUSTRIA DEL TABACCO

L’Oms infine punta il dito sull’industria del tabacco che finanzia e promuove prove false per sostenere che questi prodotti riducono i danni, mentre allo stesso tempo promuove pesantemente questi prodotti ai bambini e ai non fumatori e continua a vendere miliardi di sigarette.

È necessaria – conclude l’Oms – un’azione forte e decisa per prevenire la diffusione delle sigarette elettroniche sulla base del crescente numero di prove del suo uso da parte di bambini e adolescenti e dei danni alla salute“.

TI POTREBBERO INTERESSARE

OFFERTE LAMPO AMAZON

Print Friendly, PDF & Email

@ Riproduzione riservata


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Spiacenti, non è possibile copiare il testo